Ottengo il Mio Prestito!

Carta Revolving 5 Cose da Sapere Leggi Ora

Carta revolving

La carta revolving, conosciuta anche come carta rateale, è un particolare metodo di finanziamento che le banche mettono a disposizione dei propri clienti. L’obiettivo è quello di sostenere il consumatore nelle sue spese più o meno comuni, permettendogli di usufruire di un fido che viene rinnovato man mano che le rate vengono rimborsate.

Il problema più frequente che si presenta agli utilizzatori di queste carte è quello di ritrovarsi con un piano di rimborso piuttosto confusionario, cosa che innalza di molto il rischio di saltare delle rate e di conseguenza di ricevere una segnalazione come cattivi pagatori.

Vale quindi la pena di sottoscrivere questo tipo di contratti? Cosa si può fare una volta che si viene segnalati per ottenere ulteriore liquidità? Cercheremo in queste righe di rispondere a queste e ad altre domande in modo da fare chiarezza sull’argomento. Se al termine dovessi avere ancora qualche dubbio, lasciaci un commento per farci conoscere la tua situazione, oppure compila il nostro modulo: ti ricontatteremo per fissare insieme un appuntamento per una consulenza gratuita e senza impegno.

Carta di credito revolving cos’è?

Quando usiamo il termine revolving parliamo di una carta di credito rateale, uno strumento finanziario ricaricabile che permette di impostare un pagamento del debito a rate. Molte banche o finanziarie danno la possibilità ai propri clienti di attivare questo prodotto anche online, motivo per cui potreste aver sentito parlare dell’esistenza di una carta revolving marchiata Findomestic o Agos.

La caratteristica base delle carte revolving è quella di dare la possibilità di pagare le spese rateizzando gli estratti conti. A differenza delle normali carte di credito, l’importo di ciò che abbiamo acquistato non ci viene addebitato in un’unica soluzione ma viene dilazionato in rate mensili. Il rimborso di queste solitamente avviene prelevando l’importo direttamente dalla linea di credito ottenuta dal debitore.

Man mano che queste rate vengono pagate, vanno a ricostruire il fido del cliente, che si presta quindi a essere nuovamente usato per altre spese. Quindi attraverso il finanziamento revolving sarà possibile effettuare acquisti indipendentemente dai fondi disponibili, perché l’addebito avverrà in un secondo momento, dilazionato nel tempo.

Carta revolving come funziona?

Abbiamo scritto che il prestito revolving permette una ricostituzione continua del fido a disposizione del cliente. Infatti queste due meccaniche funzionano in maniera analoga: le carte di credito con pagamento rateale funzionano attraverso un piano di rimborso mensile e permettono di sostenere spese di media o bassa entità.

Come fare per richiedere questi prodotti? Dopo aver valutato le offerte delle varie finanziarie, concorderemo con quella prescelta l’apertura di una linea di credito. Le modalità di richiesta sono assimilabili a quelle previste per i prestiti personali, quindi sarà necessario presentare la documentazione richiesta (documenti d’identità e reddituali) e attendere le dovute verifiche presso le banche dati dei sistemi di informazione creditizia. Non esistono infatti carte di credito revolving per cattivi pagatori e segnalati al Crif.

Una volta che la banca avrà accertato le possibilità di sostenere il rimborso delle rate, verrà rilasciata, a seconda del nostro interlocutore, una carta revolving Compass, ad esempio, o Agos, Findomestic e via dicendo. Fondamentalmente i prodotti, a prescindere da chi è l’istituto rilasciante, presentano condizioni similari tra loro.

Con la concessione della linea del credito si raggiunge un accordo anche sull’importo finanziato, immediatamente erogato. Tale importo verrà poi alimentato, come abbiamo visto, dal rimborso mensile delle rate.

Carta revolving: come si può usare?

migliore carta revolviing

Non ci sono particolari limitazioni per il pagamento revolving. Difatti è possibile utilizzarla come una normale carta di credito, anche per comprare ad esempio elettrodomestici, viaggi e così via. L’unico vincolo da rispettare è quello di mantenersi entro la linea di credito, cioè, come abbiamo visto, l’importo massimo che la banca o la finanziaria avrà messo a nostra disposizione.

Potremo effettuare normali acquisti in negozi fisici e comprare dai negozi online ma anche effettuare dei comuni prelievi agli sportelli. I rimborsi avverranno poi a scadenza mensile e si baseranno su una rata minima costante. Il titolare della carta però ha la facoltà di aumentare questa soglia, decidendo anche di saldare l’intero debito qualora ne avesse le possibilità.

Attenzione: le rate che andremo a corrispondere all’istituto di credito saranno composte non solo dalla quota capitale, cioè parte della cifra che ci è stata concessa, ma anche da una quota interessi. Questi sono calcolati sulle somme utilizzate per gli acquisti e sono il motivo che spinge le banche a sponsorizzare fortemente questa tipologia di prodotti.

Rispetto alle carte tradizionali infatti, il finanziamento rateale aumenta sensibilmente gli interessi che vengono versati dai debitori, con un tasso medio che spesso può essere superiore al 15%.

Carta revolving non pagata: quali sono le conseguenze?

Abbiamo visto che l’importo delle rate mensili viene addebitato direttamente sulla linea di credito concessa al cliente. Questo significa che il meccanismo di accredito-addebito avviene tutto all’interno della somma pattuita in fase di stipulazione del contratto.

Cosa succede se a un certo punto l’importo di una rata supera quello che è il saldo residuo? In maniera analoga a quanto accade nei prestiti standard in caso di rate di un prestito non pagate, anche qui in caso di insolvenza si innescherà una procedura che prevede diversi step:

  • sollecito;
  • segnalazione cattivo pagatore;
  • recupero crediti.

Ritardo pagamento carta di credito

Vediamo adesso cosa accade in caso di un ritardo pagamento rata carta di credito, a partire dal semplice sollecito amichevole, contattando il debitore e segnalando il problema nel rimborso. La fase successiva chiama in causa i sistemi di informazione creditizia, con una vera e propria segnalazione per ritardato pagamento delle rate della carta di credito. Ciò, come vedremo nel paragrafo successivo, avrà pesanti conseguenze quando ci si troverà nella condizione di richiedere nuova liquidità attraverso un finanziamento.

Se la posizione non viene regolata, l’istituto creditore avvierà la procedura di recupero crediti per la sezione carte revolving, con la possibilità di ricorrere al decreto ingiuntivo e agli altri strumenti di tutela a sua disposizione per rientrare della somma non pagata.

Carta non pagata e accesso al credito

carta di credito revolving online

Quando una carta di credito pagamento rateale non pagata è segnalata al Crif, l’affidabilità creditizia del soggetto cala drasticamente. Mettiamo il caso pratico di Mario, che si trova con una carta revolving Agos non pagata. Non sapendo dove reperire i soldi per rientrare del debito, Mario si rivolge a un’altra banca per chiedere un piccolo prestito. La banca a questo punto farà le opportune verifiche in banca dati e riscontrerà la segnalazione delle rate non pagate. Cosa succederà? La Banca risponderà positivamente alla domanda di Mario, ovvero se esiste una nuova carta di credito per segnalati o meglio una carta di credito senza controllo Crif?

Molto brevemente, Mario riceverà una risposta negativa alla sua richiesta di prestito, sia da questa banca che da tutte le altre a cui potrebbe provare a rivolgersi. Una segnalazione infatti rappresenta una macchia sulla nostra storia creditizia, rendendoci un soggetto non affidabile agli occhi degli istituti di credito. Lo stesso vale anche per chi ha una segnalazione di un protesto, cambiale o assegno, quindi per maggiore chiarezza confermiamo che non esiste la possibilità di ottenere una carta di credito revolving per protestati.

Il problema ovviamente rimane: quali sono le soluzioni di liquidità per i cattivi pagatori? Le alternative sono tre:

  • cessione del quinto,
  • prestito delega
  • prestito cambializzato.

La cessione del quinto è un finanziamento riservato ai lavoratori dipendenti, pubblici o privati, e ai pensionati. Nel caso dei lavoratori, sarà necessario avere sottoscritto un contratto di lavoro a tempo indeterminato da almeno 8 mesi. In questo modo sarà possibile ottenere la liquidità necessaria in tempi brevi, così da ripianare i debiti contratti con la carta revolving non pagata. Bisogna ricordare inoltre che per i dipendenti con già una cessione del quinto attiva, è possibile valutare l’opzione di delega di pagamento o di rinnovo della cessione.

Per tutti gli altri, invece, è possibile ricorrere al prestito delega o al prestito cambializzato, due soluzioni alla portata di tutti. Se vuoi saperne di più, lasciaci un commento o compila il nostro modulo: un consulente ISICredit sarà subito a tua disposizione per fornirti tutte le informazioni su questi prodotti!

Migliore carta Revolving

Le carte di credito con pagamento rateale o più comunemente carte revolving, si contraddistinguono per la loro versatilità. Permettono di acquistare ovunque nel mondo e sono dotate del sistema contactless, che assicura di concludere la transazione semplicemente appoggiando la carta sul POS e senza necessità del PIN, per pagamenti fino a 25 euro.

Inoltre, banche e finanziare consentono la gestione della carta comodamente dal proprio computer o telefonino tramite l’App dedicata.

Tra i vantaggi di una carta di credito revolving online troviamo anche il servizio ATTIVA SMS, che garantisce la ricezione di un messaggio ogni volta che la carta effettua una transazione di denaro diversa dall’importo impostato; questo assicura di tenere sotto controllo tutti i movimenti.

Gli acquisti online non sono più un pericolo! Carta revolving è dotata di 3D SECURE, un sistema di difesa adottato per chi acquista e vende online. Oltre a queste caratteristiche la carta rateale, risponde in modo veloce e concreto al bisogno di liquidità, infatti quando si acquista con questa strumento l’importo non viene addebitato tutto in una volta ma a rate, permettendo al consumatore di gestire la restituzione del denaro in modo flessibile secondo le proprie possibilità.

La tua macchina ha un guasto al motore e per ripararla servono 1500 euro che non hai a disposizione nell’immediato? Carta revolving, è la risposta a questo tuo problema: ti permette di concludere l’acquisto e restituirlo poco alla volta secondo le tue disponibilità.

Cosa distingue una carta da un’altra? Sicuramente gli interessi con cui il cliente dovrà restituire la liquidità ottenuta. Andiamo ad esplorare nel dettaglio 5 carte revolving convenienti con le relative condizioni economiche.

Agos Pay Zero

  • Agos pay zero permette di acquistare per importi uguali o superiori a 500 euro senza interessi.
  • L’importo potrà essere restituito in 10 rate a tasso 0%.
  • Per tutti gli acquisti inferiori a 500 euro, TAN 14% e TAEG 17,52%.
  • Per gli acquisti online in sicurezza, Agos ha progettato per i suoi clienti la formula NETSAFE, che permette di disabilitare, in parte o completamente, l’utilizzo della carta di credito per i pagamenti online.

Carta Easy Compass

  • Carta Easy Compass, viene rilasciata immediatamente in filiale con un fido di 1.500 euro da utilizzare subito.
  • Inoltre Compass ha ideato il servizio “Contante Express”, che permette al consumatore di trasformare il fido disponibile in un anticipo contante e accreditare la somma direttamente sul proprio conto corrente.
  • Il TAN fisso è 21,40% e TAEG max 23,63%.

UniCreditCard Flexia Classic

  • UniCreditCard Flexia Classic, è una carta dotata del servizio gratuito visualizzazione del PIN, che consente al titolare della carta di poter recuperare il suo PIN in qualsiasi momento, tramite l’app oppure contattando il servizio clienti.
  • Inoltre al cliente è permesso modificare il PIN tramite l’apposita funzione disponibile su ATM e gli sportelli abilitati dalla banca. Unicredit offre ai suoi clienti il primo cambio pin, gratuitamente.
  • I tassi applicati al rimborso delle rate sono i seguenti: TAN fisso 13,90% e TAEG 14,82%.

CartaNova Findomestic

CartaNova Findomestic, tra i vantaggi ideati per questa carta, Findomestic assicura ai suoi clienti che collegano la carta direttamente al conto corrente:

  • l’erogazione della liquidità in tempo reale.
  • Puoi scegliere se pagare comodamente in rate mensili o in un’unica soluzione,
  • in più entro 3 giorni dall’utilizzo di almeno 100 euro puoi scegliere di pagare in 3, 6, 9 o 12 mesi.
  • Il massimale di credito a disposizione è di 3000 euro
  • TAN fisso 15,36% e TAEG 21,42%.

Carta di credito Santander

  • Carta di credito Santander, permette di agganciarsi comodamente al proprio conto corrente senza il bisogno di doverne aprire uno nuovo.
  • Inoltre, l’addebito dell’importo della rata può avvenire entro il 20 del mese successivo.
  • La carta ha un canone annuo pari a zero, è completamente gratuita.
  • Il TAEG fino a 5.000 euro di Fido è pari al 26,085% e oltre i 5000 euro è pari a 18,85%.

Per qualsiasi chiarimento o se hai una domanda, scrivi subito un commento!

Carta revolving? Prova le soluzioni ISICredit!

Hai avuto problemi per una rata di una carta di credito pagata in ritardo? Vuoi fare una richiesta carta di credito revolving online ma figuri tra i cattivi pagatori? Hai il dubbio che questo tipo di prodotto non sia adatto a te?

Affidati allora all’esperienza di ISICredit: con oltre 17 anni di attività sul mercato finanziario possiamo vantare le migliori competenze per guidarti nella scelta della soluzione ideale per te. Che tu sia un cattivo pagatore alla ricerca di un’alternativa o stia solamente valutando le diverse alternative a tua disposizione, non devi fare altro che contattarci.

Compilando il nostro modulo potrai richiedere un preventivo gratuito, stilato su misura per te. Ricorda: i nostri servizi di consulenza sono sempre gratuiti e senza impegno, perché il nostro obiettivo è quello di aiutarti a trovare il prodotto finanziario migliore che possa soddisfare il tuo bisogno di liquidità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6 commenti su “Carta Revolving 5 Cose da Sapere Leggi Ora

    • Lorenzo buongiorno,
      ha già fatto richiesta sul nostro sito di un contatto? Possiamo valutare la sua esigenza in modo gratuito e senza impegno.

      ISICredit

  1. Buongiorno Luca.
    Purtroppo le carte revolving hanno rovinato molta gente sotto il profilo creditizio. Tuttavia, possiamo valutare la cessione del quinto dello stipendio anche se la sua ditta ha solo 8 dipendenti grazie ad un prodotto particolare che ci permette di finanziare dipendenti di piccole aziende. La invito pertanto a compilare il form per essere ricontattato da un nostro consulente.
    Saluti.

    Rispondi
  2. Buona sera, a causa della carta revolving mi sono rovinato!!! Sono sempre stato un pagatore impeccabile, ho fatto svariati prestiti personali e tutti pagati regolarmente. Poi Consum.it mi manda circa un anno fa sta cavolo di carta revolving e da li sono iniziati i miei problemi. non smetto mai di rimborsare il debito e cosa ben più grave ho scoperto di essere segnalato come cattivo pagatore. Adesso cosa posso fare??? Avrei bisogno di un prestito personale ma con queste segnalazioni mi hanno chiuso le porte in faccia. Lavoro per una piccola azienda con soli 8 dipendenti. Una snc in piedi da 2 generazioni ma anche questo non va bene…mi hanno detto che non posso fare neanche il prestito tramite la cessione del quinto dello stipendio perchè la ditta ha solo 8 dipendenti. Esiste una strada per avere un pò di soldi?
    Grazie
    Luca

    Rispondi