Prestiti Personali, Cessioni del Quinto, Mutui

prestito_arredamento_richiedi_il_preventivoPrestito Arredamento: Richiedi il Preventivo!

Vuoi acquistare l’arredamento per la tua casa? Puoi finalmente smettere di scegliere l’usato e rendere nuovo il tuo appartamento! Scegli tutto ciò che più ti piace senza preoccupazioni. ISICredit è qui per aiutarti a completare l’azione in completa tranquillità. Affidati alla nostra società che da oltre dieci anni opera in questo settore in tutto il territorio italiano, sempre a disposizione di ogni cliente. Richiedici ora un preventivo di prestito arredamento casa e ottieni la liquidità che ti serve. Entro 24 ore un nostro esperto sarà a tua completa disposizione. Affidabilità e soluzioni a portata di mano!

Prestito Arredamento: Di cosa si tratta?

Il prestito personale arredamento viene utilizzato per ottenere liquidità utile all’abitazione, come per arredare in parte o completamente la casa. Esistono due modi per richiedere un prestito arredamento, ovvero attraverso il finanziamento personale, dove la liquidità verrà accreditata direttamente sul conto corrente, con le rate previste da contratto, oppure attraverso il prestito finalizzato dove il rivenditore stabilisce una convenzione con un istituto di credito e il richiedente deve attivare il prestito che è vincolato all’acquisto del bene. La somma viene data direttamente al venditore e l’acquirente rimborsa il finanziamento. La liquidità massima richiedibile è di 30000 euro ed è dilazionabile con piano di ammortamento fino a 120 mesi. Tale durata ti permette di richiedere importi elevati, pur mantenendo la rata bassa. Se vuoi richiedere subito un preventivo gratuito e senza impegno compila il form seguente: Clicca qui e affidati ai nostri esperti!

Prestito Arredamento: Chi può richiederlo?

Il prestito personale arredamento è accessibile da tutti purché  con una visura creditizia pulita.  Pertanto per accedere al finanziamento non bisogna risultare all’interno di nessuna banca dati come Crif, Ctc o Experian e considerando che le banche hanno la possibilità di accedere e consultare la centrale dei rischi della Banca D’Italia, non ci sono vie di scampo. Risulteranno iscritte in banca dati tutte le persone con segnalazioni dovute ad esempio a ritardi di pagamento, sarà impossibile accedere al finanziamento anche per protestati. Pertanto possono richiedere il finanziamento dipendenti, pensionati ed autonomi con età compresa tra i 18 ed i 75 anni allo scadere del prestito, quindi il il credito è riservato a chi ha la capacità di rimborsare il debito con un reddito dimostrabile.

Prestito Arredamento: Perché viene respinta la richiesta?

Un istituto di credito respinge la tua richiesta di prestito personale arredamento se sei iscritto in una qualsiasi banca dati, questo comporterebbe quindi l’essere un cattivo pagatore. Questo avviene in caso di segnalazioni o protesti. Dunque il prestito può essere respinto per aver pagato in ritardo delle rate di un finanziamento o non averle proprio saldate, per aver fatto domanda di prestito troppo recentemente e magari con esito negativo, per avere tanti impegni mensili che portano ad avere un debito elevato oppure per aver firmato come garante ad un finanziamento in cui il richiedente paga male le rate. E’ consigliato non continuare a fare altre domande di prestiti personali dopo il primo rifiuto, in quanto la segnalazione rimane in banca dati per 30 giorni, bisogna dunque aspettare il tempo necessario alla cancellazione, altrimenti la seconda richiesta sarà respinta in modo automatico e farà aumentare il tempo del nominativo all’interno della banca dati. I protesti invece risultano quando una persona ha avuto problemi con cambiali o assegni, sempre per il ritardo o mancato pagamento delle rate di questi ultimi.

Prestito Arredamento: Cosa succede se non pago?

Non pagare il finanziamento personale arredamento porterà a delle sanzioni da non sottovalutare che partono gradualmente. Sarà innanzitutto avviata una mora sugli interessi e sulle rate non saldate dall’intestatario del prestito e di conseguenza partirà la segnalazione all’interno della banca dati che è accessibile agli istituti di credito, pertanto ottenere un finanziamento dopo sarà molto complicato. In conseguenza riceverai diverse chiamate e lettere da parte di una società di recupero e potresti anche trovarti a casa un esattore che cercherà di farti firmare qualche assegno o cambiale. Continuando a non pagare verrà avviato un pignoramento che in caso di reddito sarà applicato in modo diretto sulla busta paga o pensione con trattenuta obbligatoria, altrimenti con un pignoramento di immobili o beni. In questo caso potrai valutare la possibilità di procedere attraverso un saldo a stralcio.

Prestito Arredamento: Cosa fare se cattivo pagatore?

Sei un cattivo pagatore? Hai difficoltà ad ottenere un prestito personale a causa di un protesto o pignoramento? ISIcredit ha la soluzioneSe sei dipendente statale, pubblico o di azienda privata con contratto a tempo indeterminato da almeno tre mesi, o pensionato con almeno 600 euro di reddito mensile, grazie al prestito arredamento cessione del quinto potrai ottenere la liquidità che desideri. Questo finanziamento ti permette di richiedere fino ad un massimo di 30000 euro, le rate saranno scelte liberamente da te, ovviamente nel limite massimo di 1/5 dello stipendio netto ed il piano di ammortamento è estendibile fino a 120 mesi, ovvero 10 anni. Puoi richiedere il finanziamento a partire dai 18 anni fino ad un massimo di 85 anni allo scadere del debito. La liquidità richiesta sarà accreditata direttamente sul tuo conto corrente, mentre la rata mensile sarà prelevata in modo automatico dallo stipendio o dalla pensione, senza quindi preoccupazioni nel doversi ricordare la data di scadenza della rata. Richiedi ora il prestito arredamento a cattivi pagatori: Preventivo Gratuito e senza impegno!

Prestito Arredamento: Se ho già la cessione del quinto in corso?

In questo caso, se hai già una cessione del quinto in corso e sei un pensionato hai una sola possibilità, ovvero quella di rinegoziare il prestito in corso, per poterlo fare devi aver pagato almeno il 40% delle rate. Riportiamo qui un esempio, se hai fatto una cessione del quinto per 120 mesi devi aver pagato 48 rate. Nel caso dei dipendenti invece, esistono due possibilità: oltre a poter rinnovare il prestito in corso, possono accedere ad una ulteriore liquidità attraverso il finanziamento “delega di pagamento“, che consiste in una seconda trattenuta in busta paga. In questo caso non si potranno superare i 2/5 dello stipendio netto ed il rimborso può essere effettuato fino a 120 mesi. Sei interessato a verificare se il tuo quinto è rinnovabile oppure ad una delega di pagamento? Clicca qui: Richiedi subito una consulenza ed un preventivo gratuito!

Prestito Arredamento: Serve il garante? Che documenti occorrono?

Nel caso scegliessi il prestito personale arredamento non viene necessariamente prevista la firma di un garante, ma se nei precedenti finanziamenti è sempre stata una figura presente o se il reddito non viene ritenuto sufficiente potrebbe essere richiesto l’affiancamento di un altro reddito. Mentre nel prestito per l’arredamento per cattivi pagatori, quindi la cessione del quinto e/o delega di pagamento non è richiesta nessuna garanzia, in quanto il reddito stesso del richiedente è sufficiente per la richiesta. Nel caso stessimo parlando del prestito personale arredamento i documenti utili per un autonomo sono la dichiarazione dei redditi ed i documenti di identità, mentre per la cessione ed il prestito personale i documenti per dipendenti sono le ultime due buste paga in possesso, il cud ed i documenti di identità, per i pensionati il cud ed i documenti di identità e nel caso fosse richiesto anche un cedolino della pensione.

Prestito Arredamento: Si può estinguere anticipatamente?

E’ possibile estinguere il prestito prima della scadenza prevista dal contratto, ma in questo caso l’intestatario del prestito oltre a rimborsare il debito rimasto, verrà applicata una penale di indennizzo, che per legge non può superare l’1%  del capitale finanziato.

Prestito Arredamento: Alcuni consigli

  • Confronta ogni volta, prima di procedere, le offerte che ogni società può offrirti, assicurandoti di scegliere il miglior prestito arredamento.
  • Se possibile attiva una polizza assicurativa che sia in grado di tutelare te e la tua famiglia in caso di eventi non previsti e spiacevoli come la perdita del lavoro, un’invalidità permanente, la morte ed eventi del genere.
  • Chiedi sempre un preventivo, che deve essere necessariamente gratuito e senza impegno. Per poter confrontare con gli altri istituti il più conveniente!
  • Prova a controllare anche le agevolazioni fiscali e i bonus disponibili e se vuoi valuta anche il prestito ristrutturazione casa

Per richiederci un preventivo gratuito e senza impegno di prestito arredamento, compila il form di contatto con i tuoi dati: Clicca qui ed affidati ai nostri esperti! Un nostro consulente provvederà a contattarti entro 24 ore per una valutazione gratuita del tuo profilo e ti spiegherà tutto riguardo il prestito personale arredamento.

Se hai qualche dubbio clicca qui ed accedi alla sezione “Hai una domanda“. Si aprirà una pagina nella quale troverai tantissimi quesiti posti da utenti che, come te, avevano bisogno di chiarezze e conferme. In fondo troverai un box nel quale inserire il tuo quesito.

 

Il 93 % dei nostri clienti è soddisfatto del nostro servizio

Approfitta dell'opportunità, prenota un contatto entro i prossimi 15 minuti ! Già 8 utenti hanno approfittato di questo vantaggio negli ultimi 30 minuti.

Grazie

Sarai contattato in 24h