Prestiti Personali, Cessioni del Quinto, Mutui

ISIcredit: Che cosa sono i Prestiti Personali?

I prestiti personali sono tipi di finanziamento, rimborsabili mediante il pagamento di un importo mensile fisso, detto rata. I prestiti personali sono chiamati cosi in quanto non è necessario indicare la motivazione per cui vengono richiesti, ed i prestiti stessi non sono vincolati ad un bene particolare, ma possono essere richiesti per l’acquisto di vari tipi di beni, come l’auto, moto, spese mediche o semplicemente liquidità. Per questa ragione i prestiti personali sono prestiti non finalizzati. Il fatto di non essere collegati ad uno specifico bene o servizio, che possa servire da garanzia in caso di insolvenza del debitore, rende i prestiti personali maggiormente rischiosi agli occhi degli istituti di credito rispetto ai prestiti finalizzati. Ulteriore differenza tra i due tipi di prestiti sta inoltre nel fatto che i prestiti personali vengono erogati tramite bonifico bancario direttamente sul conto corrente del richiedente, in quanto non vi è la figura del venditore del bene o del servizio, come accade nei prestiti finalizzati. I prestiti personali sono prestiti a tasso fisso, e per questo motivo la rata che si rimborsa in genere mensilmente è costante per tutto il periodo dell’ammortamento.

Il tasso di interesse
Nel valutare preventivi di prestiti personali, ci sono varie componenti che è opportuno valutare, in modo da poter scegliere la soluzione migliore tra le varie proposte. Il tasso di interesse è senza dubbio una delle componenti principali da valutare. In merito al tasso di interesse, all’interno dei contratti di prestiti personali distinguiamo due voci:

1. TAN: Il tasso annuo nominale, è il tasso di interesse, calcolato in percentuale sul capitale finanziato (nelle rate successive alla prima sul capitale residuo) riferito ad un anno. Se divisa per 12 e sommata alla quota capitale, da come risultato la rata mensile da rimborsare.
2. TAEG: Il tasso annuo effettivo globale è il costo complessivo dell’operazione di prestito. Il TAEG è quindi la somma di tutti i costi dell’operazione di prestito, comprensivo quindi di eventuali spese di istruttoria, costi assicurativi, spese di intermediazione.

Nel valutare le varie offerte, occorre non solo confrontare TAN e TAEG, ma anche tenere conto della durata dei prestiti. Infatti il TAEG, paragonando due preventivi di prestiti con stesso capitale finanziato, ma con durate differenti, è più basso per i prestiti con durata maggiore. Paragonando invece due preventivi di prestiti con stessa durata, il TAEG è minore per i prestiti con capitale finanziato maggiore.

Risoluzione delle controversie e reclami
Al fine di risolvere le controversie tra clienti e gli intermediari finanziari e le banche, e per permettere agli utenti di sporgere reclami senza dover ricorrere al giudice, l’articolo 128-bis del Testo unico bancario (TUB) ha previsto la figura dell’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).
Questo organismo stragiudiziale permette di risolvere le controversie generatesi in materia finanziaria tra i clienti e gli istituti di credito, o tra i clienti e gli intermediari finanziari, con enormi risparmi di tempo e di denaro, in quanto si evita in tal modo il ricorso alla giustizia ordinaria.

Per approfondimenti leggi l’articolo del nostro blog sul tema dell’ Arbitro Bancario Finanziario (ABF)

Il 93 % dei nostri clienti è soddisfatto del nostro servizio

Approfitta dell'opportunità, prenota un contatto entro i prossimi 15 minuti ! Già 8 utenti hanno approfittato di questo vantaggio negli ultimi 30 minuti.

Grazie

Sarai contattato in 24h