Prestito tra privati, pro e contro

Prestito tra privati: nuova opportunità o specchietto per le allodole? Negli ultimi tempi anche in Italia si inizia a parlare sempre più di prestiti diretti tra privati, una pratica di accesso al credito che sta conoscendo particolare fortuna negli Stati Uniti, in Cina e in India. Ma cosa si intende per prestito tra privati? Che cosa cambia rispetto a un prestito bancario? Ci sono condizioni particolari, spese anticipate per il prestito o rischi nascosti in questa nuova formula? Come riconoscere se un prestito fra privati è conveniente o meno? Cerchiamo di fare chiarezza per evitare problemi o brutte sorprese.

Il prestito tra privati – chiamato anche social lending – consiste in un prestito senza intermediazione da parte di una banca. Come è possibile? Esistono piattaforme on line che offrono credito a cittadini che lo stanno cercando. Da dove prendono i soldi? Da altri privati che hanno denaro e decidono di metterlo a disposizione. Un complesso algoritmo incrocia le richieste e le offerte di soldi, determinando i tassi di interesse dei singoli prestiti.

I vantaggi del prestito tra privati

A un primo sguardo emergono subito alcuni possibili vantaggi: chi ha difficoltà a farsi concedere un finanziamento in banca, ad esempio, ha un’opportunità in più; se non sono presenti intermediari, in linea teorica, il tasso d’interesse dovrebbe essere più basso. Chi chiede denaro deve presentare gli stessi documenti necessari a un prestito tradizionale: i propri dati, la busta paga, eccetera eccetera. In assenza di queste garanzie ottenendo comunque il prestito, concordando però un tasso d’interesse più alto. 

Hai bisogno di denaro?

Scopri subito qual è il prestito più adatto a te!

Compila il form lasciandoci i tuoi dati e verrai ricontattato senza impegno a un nostro consulente.

Guardando con maggiore attenzione agli stati in cui il prestito tra privati è presente da diversi anni, è possibile notare tuttavia alcuni recenti cambiamenti e altre modifiche all’orizzonte. Ad esempio, Cina e India hanno deciso di intervenire in modo restrittivo sui siti web che offrono prestiti, inserendo maggiori controlli, mentre nel 2016 negli Usa il più grande operatore di prestiti tra privati (Landing Club) è stato interessato da un’indagine interna dopo le accuse di intervento scorretto sui tassi di interesse.

In Italia il prestito tra privati è monitorato da Bankitalia, ma non in modo così rigoroso come avviene per i tradizionali prestiti bancari. Ad esempio l’identità di chi presta denaro e di chi lo riceve non sono rese note. In caso di insolvenza da parte del debitore, recuperare la somma prestata diventa quindi difficile. Un altro aspetto da tenere in considerazione è che il prestito tra privati non fa parte della categoria del credito al consumo: accade a volte che non venga comunicato il costo reale del finanziamento.

In sintesi a chi ha bisogno di un prestito raccomandiamo sempre di prestare attenzione alla trasparenza del prestito. Ci sono informazioni indispensabili da conoscere: costi di mediazione, garanzie, tassi di interesse e rischi non sono un optional per richiedere e ottenere soldi in tutta sicurezza. Per saperne di più contattaci attraverso il nostro form, saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “Prestito tra privati, pro e contro

Ottengo il mio prestito!

Preventivo gratis Preventivo gratis
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif