Ottengo il Mio Prestito!

Prestito Postepay 3 Consigli Utili per Te Leggi Adesso!

Sei tra quelle persone che si sono ritrovate con un prestito Postepay rifiutato? ISICredit ha un’alternativa per permetterti di fare fronte alle tue spese.

Andiamo però con ordine. Il prestito Postepay è un’interessante modalità di finanziamento che Poste Italiane offre oggi ai propri clienti, permettendo loro di ottenere in tempi rapidi la liquidità di cui hanno bisogno. La caratteristica principale di questi prestiti è, oltre appunto alla loro velocità, il fatto di permettere all’utente di ottenere gli importi richiesti direttamente sulla sua carta Postepay. A fare da contraltare a questa praticità c’è il limite nelle cifre che si possono ottenere, limitate, nel caso del Mini Prestito Bancoposta, a un massimo di 3000€ rimborsabili in 22 mesi. 

Non si tratta quindi di cifre particolarmente elevate ma ugualmente utili a far fronte a spese contenute. Essendo un prestito non finalizzato, infatti, la cifra ottenuta potrà essere usata per l’acquisto di uno smartphone, di un elettrodomestico, di un viaggio e così via. Vedremo più avanti nello specifico le caratteristiche di questo piccolo prestito Poste Italiane e degli altri finanziamenti legati a Postepay, anche nella sua versione Evolution, come lo Specialcash Postepay.

Stando alle opinioni dei titolari di carta Postepay, alle recensioni che si possono trovare online e ai pareri di chi li ha provati, la risposta appare univoca. Questi prestiti rappresentano senza dubbio un’ottima soluzione per tutti coloro che hanno bisogno di liquidità urgente di cifre però contenute.

Ti sei visto rifiutare un prestito Postepay? Compila il modulo e i nostri consulenti saranno a tua disposizione immediatamente, soluzioni alla mano.

Mini prestito Postepay

Per tutte le persone in cerca di un prestito personale, come spiegato, Poste Italiane offre una vasta gamma di soluzioni. Qui nello specifico andremo ad analizzare quelli che vengono definiti piccoli prestiti, cioè quelli che mettono a disposizione del consumatore importi ridotti rispetto ai finanziamenti classici. È possibile che abbiate già sentito parlare di questi prodotti sotto il nome di mini prestito Postepay o di prestito Specialcash Postepay.

Ciò che salta all’occhio è che entrambe le offerte sono legate al possesso della carta emessa da Poste Italiane, con la differenza che in un caso (vedremo quale) è necessario possedere la variante chiamata Postepay Evolution. Questa altro non è che una versione, appunto, evoluta della Postepay standard che permette al titolare di accedere a numerose operazioni bancarie e di ricevere l’abilitazione ai pagamenti contactless.

Il possessore di Postepay Evolution potrà quindi richiedere l’accredito dello stipendio o della pensione, effettuare bonifici e sfruttare molte funzioni tipiche dell’e-banking. Se ciò non bastasse potrà accedere, come detto, a offerte di finanziamento specifiche pensate apposta per lui: vediamo quali.

Mini prestito Bancoposta

Questo finanziamento viene spesso erroneamente chiamato “mini prestito Postepay”. Concettualmente non sarebbe un vero e proprio errore, dal momento che parliamo di un prodotto dedicato esclusivamente ai possessori della carta di Poste Italiane. Il vincolo specifico è che, seppur non sia necessario essere titolari di conto corrente Bancoposta o bancario, si tratta di un prestito su Postepay Evolution. Solo con questa versione è infatti possibile inoltrare la richiesta per il mini prestito Bancoposta che, in caso di approvazione, verrà erogato direttamente sulla carta.

Gli importi richiedibili sono tre (1000, 2000 o 3000 €), rimborsabili secondo una durata fissa di 22 rate mensili con addebito sulla carta o sul conto corrente Bancoposta . È possibile fissare un appuntamento per questo prestito con Postepay Evolution online, accedendo all’apposita area sul sito istituzionale.

SpecialCash Postepay

Il secondo prodotto a disposizione dei titolari Postepay è lo SpecialCash Postepay. Si tratta di un’alternativa al precedente, disponibile non solo ai possessori di Postepay Evolution ma anche agli altri. Questo finanziamento permette di richiedere cifre ancora inferiori, ognuna con il proprio specifico piano di rimborso. Il consumatore potrà infatti richiedere:

  • 750 € in 15 rate mensili;
  • 1000 € in 20 rate mensili;
  • 1500 € in 24 rate mensili.

In caso di approvazione, per questo “mini prestito Postepay (o Evolution)” i tempi per l’erogazione sono brevissimi. L’accredito avviene direttamente sulla carta, mentre per l’addebito il consumatore ha a disposizione tre alternative. Egli potrà infatti rimborsare le rate tramite addebito su conto corrente BancoPosta, PostePay Evolution, conto bancario o bollettino postale. Anche per SpecialCash Postepay il modulo per fissare un appuntamento è disponibile online.

Prestito Postepay senza busta paga

Cerchiamo di fare chiarezza fin dal principio. Non esiste una reale possibilità per ottenere un prestito o finanziamento Postepay (o Postepay Evolution) senza busta paga. Questo perché un documento di reddito si rende sempre necessario, essendo uno dei requisiti fondamentali. Vi sarà capitato sicuramente durante le vostre ricerche di trovare qualcuno che sosteneva che fosse possibile ottenere la liquidità da un istituto di credito come Poste Italiane pur non avendo una busta paga da presentare.

Ripetiamolo: è falso. In assenza di una busta paga da lavoratore dipendente, l’unica possibilità è di presentare un cedolino pensionistico, se non si sono superati i limiti di età richiesti dalle condizioni di finanziamento. Anche Mini Prestito Bancoposta e SpecialCash Postepay, infatti, rientrano tra i vari prestiti di Poste Italiane per i pensionati

Prestito Postepay rifiutato: motivazioni

Ti stai chiedendo se sia possibile ottenere SpecialCash Postepay se si è cattivi pagatori? Hai fatto richiesta per un prestito Postepay ma Poste Italiane te l’ha negato? Le motivazioni possono essere molteplici. Quelle che vengono riscontrate con maggiore frequenza sono:

  • la presenza del nominativo del richiedente nelle liste cattivi pagatori
  • un nominativo non censito, perché il cliente non ha mai ottenuto un finanziamento (non dimostrando la propria affidabilità creditizia tramite un regolare rimborso)
  • l’eccessivo indebitamento del richiedente
  • la presenza di un altro finanziamento ottenuto negli ultimi 12 mesi, anche se rimborsato regolarmente
  • l’aver fatto più richieste di prestito a diversi istituti nello stesso periodo
  • il richiedente è garante di un finanziamento mal pagato
  • mancanza di un reddito effettivo o reddito insufficiente o ancora lavoro precario

Uno di questi è il motivo per cui ti è stato negato il prestito Postepay? Non ti preoccupare, con ISICredit puoi ottenere ugualmente la liquidità di cui hai bisogno. Compila il modulo per ottenere un preventivo personalizzato e gratuito stilato dai nostri consulenti finanziari. Lasciaci un commento se vuoi farci conoscere la tua situazione e un esperto del nostro team ti risponderà immediatamente, fornendoti le indicazioni per risolvere ogni tuo dubbio.

Prestito Postepay per cattivi pagatori: 3 alternative

Se la tua richiesta di prestito Postepay è stata rifiutata, puoi comunque ottenere un finanziamento con ISICredit. È veramente semplice: anche se sei cattivo pagatore, quindi hai avuto delle segnalazioni nelle banche dati che hanno minato la tua affidabilità creditizia, abbiamo la soluzione che fa per te. Tra i nostri prodotti potrai trovare il prestito per dipendenti o il finanziamento sulla pensione ideale per affrontare quelle spese che temevi di non poter sostenere.

Sei un lavoratore dipendente o sei in cerca di un prestito per pensionati? Anche se protestato, segnalato al CRIF o ti è stato negato di recente un prestito Postepay, la soluzione è a portata di mano. Grazie alla cessione del quinto potrai ottenere la somma che desideri e che ti sei visto rifiutare dagli altri istituti di credito.

Con questo metodo avrai accesso a una sorta di “prestito in busta paga”, dal momento che la rata di rimborso da te scelta ti verrà addebitata direttamente su di essa con scadenza mensile. Non hai a disposizione una busta paga perché pensionato? Il cedolino pensionistico è un documento di reddito altrettanto valido e ti permetterà di sottoscrivere questa alternativa al prestito Postepay, anche se cattivo pagatore.

Anche nei casi di cessione del quinto già in corso, il problema non si pone. Quando non è possibile un rinnovo della cessione del quinto, la seconda alternativa che ISICredit ti propone è la delega di pagamento. Riservata ai soli lavoratori dipendenti, tramite essa è possibile richiedere un secondo addebito in busta paga, sempre per un importo massimo di un quinto del netto percepito.

Infine se sei pensionato o impossibilitato a ottenere la delega, magari per rifiuto del datore di lavoro, la terza alternativa è il prestito cambializzato. Ricordiamo infatti che il datore, a differenza di quanto accade con la cessione del quinto, ha il diritto di rifiutare la delega.

Alternative al prestito Postepay ISICredit: scegli il meglio!

Il nostro punto di forza è la consulenza gratuita e senza impegno, sempre all’insegna della professionalità e della discrezione. Compila il form per ottenere un preventivo personalizzato: entro 24 ore ti ricontatteremo telefonicamente per studiare insieme la richiesta e proporti le migliori soluzioni sul mercato.

ISICredit è a tua disposizione anche per una vasta gamma di altri servizi. Lasciaci un commento per farci conoscere la tua situazione. Ti risponderemo al più presto in maniera totalmente gratuita, per fornirti una soluzione al tuo problema!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Prestito Postepay 3 Consigli Utili per Te Leggi Adesso!

  1. buongiorno io ho gia il quinto di stipendio in atto quindi non credo che mi accettino la richiesta del prestito postapay , esiste la possibilità di accedere a 1000 euro in qualche modo ?

    grazie per la risposta
    Daniele

    Rispondi
    • Nadia buongiorno,
      vuole parlare con un nostro consulente per una valutazione gratuita e senza impegno? È sufficiente compilare il modulo di richiesta informazioni presente sul nostro sito.