Ottengo il Mio Prestito!

Prestito Personale con Protesto o Pignoramento in Corso? Come Ottenerlo?

Anche se con un pignoramento in corso, grazie ad ISIcredit, se dipendente o pensionato, potrai ottenere un nuovo prestito personale. Infatti grazie alla cessione del quinto e delega di pagamento (solo per i dipendenti) potrai richiedere un prestito personale e realizzare ciò che stai sognando.
Compila il modulo qui sopra e a breve ci metteremo in contatto telefonico con te. Ti forniremo un preventivo dettagliato del tuo nuovo prestito personale.

APPROFONDIMENTI
E’ possibile ottenere un prestito personale con un protesto in corso o con un pignoramento in corso? Se dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato o pensionato, Si!

Puoi richiederci un preventivo gratuito e senza impegno; è sufficiente compilare il form presente sul nostro sito o blog. Entro le successive 24 ore sarai contattato da un nostro consulente. La risposta comunque richiede un minimo di approfondimento. Infatti, richiedere un prestito personale con un protesto o un pignoramento in corso non è sempre così semplice.

Per quanto riguarda il prestito personale con un protesto in corso, infatti, occorre dire che il protesto è un atto pubblico che ha il fine di informare chiunque abbia a che fare con il soggetto protestato della presenza del protesto. Il protesto è visibile in camera di commercio, e le finanziarie, nel momento in cui valutano la richiesta di prestito personale da parte di un soggetto protestato, verificano oltre alle banche dati Crif ed Experian, anche la presenza di un eventuale protesto in camera di commercio.

La presenza del protesto è motivo di rifiuto della richiesta di prestito personale. Per quanto riguarda il prestito personale con pignoramento in corso, il discorso è differente, in quanto il pignoramento in corso non causa il rifiuto della richiesta di prestito personale effettuata dal soggetto col pignoramento, ma viene valutata ai fini del calcolo del rapporto rata reddito, ovvero della capacità di rimborso del prestito personale da parte del soggetto pignorato. Si può ottenere un prestito personale, dunque, se si è un soggetto con pignoramento in corso, ma non se si ha un protesto in corso.

Per quanto riguarda la cessione del quinto, ovvero il prestito con trattenuta diretta in busta paga e riservato ai dipendenti, è possibile ottenerla sia che si abbia un protesto in corso, sia che si abbia un pignoramento in corso. Nel caso del pignoramento, però, sarà valutata la possibilità o meno della coesistenza tra la rata del pignoramento e la rata della cessione del quinto. In alcuni casi, dunque, per ottenere la cessione del quinto sarà necessario estinguere il pignoramento in corso.

Richiedi ora un Preventivo Gratuito!

ISIcredit

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

53 commenti su “Prestito Personale con Protesto o Pignoramento in Corso? Come Ottenerlo?

  1. Ho 2 pignoramenti in busta paga.
    Uno per aver perso una causa civile e l’altro per una cartella esattoriale.
    Ho una cessione del quinto per un prestito.
    Totale ogni mese 300 euro c.a.
    È possibile un prestito personale di 15000euro per ripulirmi di tutto?
    A presto.
    Gianpiero Caliendo

  2. Ho un pignoramento in corso e la cessione del quinto. Come posso avere un po’ di liquidità. Ho bisogno di soldi per andare dal dentista e rifarmi le capsule che sono cadute. C’è una possibilità? Io lavoro in ospedale a tempo indeterminato ed ho 56 anni.

    • Buongiorno Emilio, abbiamo provato a contattarla più volte ma senza riscontro, comunque in mattinata verrà ricontattato nel numero da lei fornito.
      Restiamo a sua completa disposizione
      Distinti Saluti
      Isicredit

  3. cortesemente chiedevo se c’era la possibilita di richiedere un prestito di 4000 euro per spese mediche(odontoiatria),avendo un pignoramento del1/5 sullo stipendio ma avendo eventualmente un garante,sono a tempo indeterminato da circa 7anni
    grazie per una eventuale risposta

  4. salve vorrei sapere s epossibile avere un prestito di 6000 euro pagando 150 euro al mese o una pensione di invalidità civile di 290 euro al mese
    sono segnalato crif aiutatemi per favore spetto una risposta cordiali saluti

    • Buongiorno Luigi.
      Se non ha segnalazioni negative potrebbe chiedere un prestito personale. Dati gli impegni in corso, e in base al suo reddito e ad eventuali altri impegni, potrebbe essere necessaria la firma di un garante.
      Saluti.

  5. Buonasera, vorrei consolidare i miei debiti con un unica rata. In corso ho un pignoramento e una cessione del quinto e 6000 euro di arretrati con altre finanziare. Per un totale di 25000 euro. Il nuovo prestito servirebbe per annullare tutti i debiti e avere una rata più bassa . Non ho garanti ma ho un lavoro a tempo indeterminato

    • Buongiorno Matteo.
      Con delle segnalazioni negative dovute agli arretrati non può chiedere un prestito personale, ma solamente la cessione del quinto. Avendola già, può valutare il rinnovo se passati i due quinti, oppure chiedere la delega di pagamento, ovvero la seconda cessione del quinto.
      Saluti.

  6. Buonasera,
    chiedevo se era fattibile ottenere un prestito per consolidamento debiti. Ho due finanziamenti in corso con rate mensili che sommate arrivano a c.a 400 euro.Volevo per cio’ estinguere questi finanziamenti per averne uno unico con rate da 200,00 se possibile. il totale complessivo dei finanziamenti si aggira all’incirca sui diecimila euro.Sono una dipendente privata a tempo indeterminato.Cordiali Saluti

    • Buongiorno Rossella.
      In teoria la cosa è valutabile in quanto alcune finanziarie arrivano fino a 120 mesi come durate, per cui si possono ottenere 10.000 euro con una rata di 200 euro.
      Saluti.

  7. Buonasera sono socio in una comperativa di 300 soci e120 dipendenti ho un pignoramento che mi porta via una cessione del quinto (però ricalcolata ogni mese ) in media è 150 euro .. Ho 14 mensilità e cassa integrazione in caso di nn avviamento. mi servirebbero 12 mila euro sono socio da 16 mesi .. È fattibile ??

    • Buongiorno Cri.
      Con la cassa integrazione attualmente è molto difficile riuscire a finanziare tramite un’altra cessione del quinto. L’unica possibilità è un prestito personale, magari con un garante, ma solo se non ha segnalazioni negative nelle banche dati creditizie.
      Saluti.

  8. Buongiorno,ho un pignoramento della casa,vorrei sapere se è possibile avere un finanziamento per far togliere il pignoramento,la cifra è di 25000 euro,sono pensionata

    • Buonasera Mary.
      Potrebbe richiedere la cessione del quinto della pensione o un prestito personale con durata entro i 75 anni di età. La cessione del quinto ha invece il limite di 85 anni di età.
      Saluti.

  9. Salve,
    volevo sapere se è possibile richiedere un prestito personale se sono un dipendente privato a tempo indeterminato e l’azienda per la quale lavoro è in liquidazione.

    Grazie

    • Buongiorno Enrico.
      Può richiedere il prestito personale, ma non la cessione del quinto, ma se lo stato di liquidazione fosse visibile difficilmente il prestito verrebbe accettato.
      Saluti.

  10. Salve vorrei sapere se un attività commerciale con una segnalazione di portesto si abbligata a chiudere e se la risposta è negativa quali possano essere le alternative per continuare ad esercitare l’attività. Vi ringrazio in anticipo e vi porgo i miei saluti.

  11. salve vorrei alcune informazioni al riguardo per finanziamenti privato
    possiedo una piccola attività alimentare da poco avviata ovviamente in passato gestivo altre attività ora con questo nuovo avvio mi sono esposto molto e fatico a rientrare con i debiti della mia ex attività vorrei stipulare un prestito per consolidare il tutto e ovviamente riuscire ad ottenere una rata più morbida.
    cosa posso fare ? cioè cosa mi consigliate?

    • Buongiorno Gianluca.
      Consideri che attualmente le finanziarie concedono fino a 30.000 euro per consolidare i propri debiti. Sicuramente le consiglio di fornire la firma di un garante nel fare la richiesta di prestito per rafforzare la sua richiesta e avere maggiori possibilità che questa venga accettata.
      Saluti.

  12. salve io vorrei sapere se potrei fare un prestito x aprirmi un negozio…ho problemi mio marito e’ protestato x la nostra casa ,purtroppo nn abbiamo potuto piu’ pagarla xche’ adesso nn abbiamo piu’ lavoro,x colpa della crisi…vi prego di tenermi in considerazione ..nn solo una che nn paga …anzii…spero di avere una risposta grazie mille

    • Buongiorno Deborah.
      Suo marito non dovrebbe assolutamente comparire in un’eventuale richiesta di prestito, salvo che egli non lavori come dipendente a tempo indeterminato. In quel caso potrebbe richiedere la cessione del quinto. Se dovesse effettuare lei la sua richiesta l’unica possibilità è rivolgersi alla sua banca presentando il progetto ed eventualmente rivolgersi ad un consorzio di garanzia che potrebbe prestarle la garanzia al prestito.
      Saluti.

  13. Salve. ha causa di un assegno sono stato protestato. lavoro per una azienda da qualche anno e avrei bisogno di un prestito. come potrei fare?

    • Buongiorno Giulio.
      Lavorando come dipendente, anche se ha un protesto, può comunque richiedere un prestito personale tramite la cessione del quinto dello stipendio, ovvero il prestito con trattenuta diretta in busta paga. Questa tipologia di finanziamento non verifica la presenza di segnalazioni negative e nemmeno di protesti.
      Saluti.

  14. Buonasera Sig. Franco.
    Per quanto ci riguarda non abbiamo la possibilità di fornire tale prodotto. Ad ogni modo ci risulta che questo tipo di prodotto non venga offerto a protestati.
    Saluti.

  15. salve sono un pensionato inpdap avrei bisogno di un prestito di 12 mila euro purtroppo ho dei ritardi in crif e un assegno protestato in più quando ero dipendente avevo già due cessioni in corso che adesso mi porto sul cedolino di pensione ecco vorrei sapere è possibie avere un prestito cambializzato? grazie

  16. Buonasera Mauro.
    Attualmente il prodotto di cessione del quinto no tfr prevede un’assunzione minima di 12 mesi. Nel caso le facessero una dichiarazione si potrebbe provare a presentare la richiesta.
    Nel caso dovrebbe compilare il modulo in alto a destra o cliccare sul pulsante blu e sarà ricontattato da un nostro consulente.
    Saluti

  17. come al solito la ringrazio per la risposta, ma nel caso di cessione del
    quinto no tfr l’anzianità minima non è 3 mesi?
    qualora riuscissi a farmi rilasciare dall’azienda una dichiarazione che
    attesti l’anzianità lavorativa, potremmo provare a fare qualcosa o correrei il
    rischio di vedermi rifiutare la richiesta secondo lei?
    Cordiali saluti
    Mauro

  18. Buongiorno Mauro.
    Non credo che le rilascerebbero una dichiarazione. La data di assunzione rimane invariata quando c’è un passaggio diretto da un contratto determinato ad uno indeterminato. In questo caso è stata cambiata la tipologia del contratto. Tuttavia, se le indicassero nel certificato di stipendio una data di assunzione precedente, si potrebbe provare, ma non posso assicurarle che ci si riesca.
    Saluti.

  19. In risposta, Le comunico che la data di assunzione a tempo determinato risulta
    essere settembre 2010, eventualmente potrei farmi fare un dichiarazione od
    altro documento dal mio datore di lavoro per ovviare a questo problema?
    Grazie mille per la Sua massima disponibilità.

  20. Buonasera Mauro.
    Per la cessione no tfr, attualmente sono necessari almeno 12 mesi di assunzione. Quando si passa da un contratto a tempo determinato ad uno indeterminato, generalmente viene considerata la prima data di assunzione. Nel caso, invece, di passaggio da un contratto a progetto, che è un contratto atipico, non accade lo stesso. Dovrebbe verificare la sua busta paga e leggere la data di assunzione riportata.
    Saluti.

  21. Nel ringraziaLa per la risposta, vorrei chiederLe un’ultima cosa, essendo
    stato assunto da poco non potrei accedere ad una cessione di credito no tfr?
    Cordiali saluti
    Mauro

  22. Buongiorno Mauro.
    E’ possibile che le pendenze con equitalia abbiano causato delle negatività nella sua banca dati, e che questo sia il motivo per cui non riesce più ad ottenere prestiti. Purtroppo settembre 2010 è troppo recente come data di assunzione per poter richiedere una cessione del quinto, l’unico prestito concedibile a cattivi pagatori o segnalati. Dovrebbe attendere almeno un anno di assunzione per poterci provare.
    Saluti.

  23. Spett.le società,
    sono un dipendente a tempo indeterminato da pochi giorni, in realtà lavoro in questa azienda, una S.p.A. da 4 anni, 3 anni con contratto a progetto, da settembre 2010 a tempo determinato ed ora finalmente il passaggio a tempo indeterminato. In precedenza ero socio di una snc che abbiamo sciolto e messo in liquidazione a dicembre 2007, ho però purtroppo ancora delle pendenze con equitalia per contributi inps ed inail non versati, per poter pagare questo debito ho chiesto qualche giorno fa on line un finanziamento che mi è stato rifiutato, non possiedo nulla, ne beni mobili ne immobili, mi chiedo equitalia può avermi segnalato come cattivo pagatore per questo? come posso pagare queste somme se non posso accedere ad un finanziamento?
    Codiali saluti
    Mauro

  24. Buongiorno Fabio.
    L’unico modo per poterla finanziare è la cessione del quinto dello stipendio, ovvero il prestito con trattenuta in busta paga. Con questo tipo di prestito non è importante che lei sia protestato.
    Saluti.

  25. Buongiorno, sono un dipendente statale di Novara. volevo esporvi il mio problema. parallelamente al mio primo lavoro ho una seconda attività con mio figlio e per aiutarlo ho finanziato l’inizio lavori. il problema è nato non dal poco lavoro, anzi, ma dagli insoluti dei vari clienti. Per farla breve ho dato ad un fornitore un assegno con la speranza di incassare nuova liquidità ma alla fine non ci sono riuscito e l’assegno è stato protestato. Ora le cose vanno meglio ma questo protesto mi sta facendo dannare. avremmo bisogno di altri 20000 euro per finire le ultime cose e per saldare il debito con il fornitore che mi ha protestato l’assegno così potrei attivarmi per cancellare il protesto. Volevo chiedervi che soluzioni ho per ottenere questa somma.
    Grazie
    Fabio

  26. Buongiorno Susanna.
    Assolutamente si.
    Il pignoramento viene valutato come un impegno mensile, ma di per se non impedisce di richiedere un prestito personale e neppure una cessione del quinto. Al limite, nel caso in cui si richieda una cessione del quinto, potrebbe essere necessario estinguere il pignoramento in corso.
    Saluti.

  27. Buongiorno Bruno.
    Avendo un protesto non può richiedere un prestito personale. Essendo però un dipendente pubblico non avrà difficoltà a richiedere la cessione del quinto, ovvero il prestito con trattenuta diretta sulla busta paga ottenibile anche con un protesto.
    Saluti.

  28. buongiorno, anche io mi trovo in questa situazione…vorrei richiedere un prestito personale ma ho sia un protesto che un pignoramento in corso. Lavoro dal 97 presso l’azienda ospedaliera di Ravenna. percepisco uno stipendio di circa 1280 euro al mese. sono veramente in difficoltà. c’è qualche possibilità di ottenere un prestito personale?
    Bruno