Ottengo il Mio Prestito!

Prestito con Pensione di Reversibilità 3 Modi per Ottenerlo

In tanti lettori ci hanno contattati per chiederci se sia possibile ottenere un prestito con pensione di reversibilità. La maggior parte delle domande verteva sulla possibilità che tale fonte di reddito venisse ritenuta valida dagli istituti di credito, ai fini della concessione di un finanziamento.

Scopriremo allora come banche e finanziarie non chiudano le porte a questa categoria di cittadini, mettendo anzi a loro disposizione diverse alternative per risolvere le esigenze di liquidità. Cerchiamo di andare con ordine, facendo chiarezza su quali siano i soggetti coinvolti e su come possano chiedere la reversibilità della pensione, per passare poi alle opportunità che il mercato finanziario ha riservato loro. Per esempio, vuoi sapere se appartenendo a questa categoria hai accesso a uno specifico prestito con reversibilità, o se esiste la cessione del quinto sulla pensione di reversibilità?

Non dimenticare: con ISICredit puoi sempre contare su un consulente finanziario che possa guidarti nella scelta, in maniera gratuita e senza impegno. Contattaci subito! Compila ora il modulo di richiesta informazioni.

Hai una domanda? Scrivi un commento; puoi utilizzare lo spazio dedicato che trovi in fondo a questa pagina. Il servizio è gratuito.

Prestito con pensione di reversibilità: cos’è

Partiamo dalle basi: cos’è la pensione di reversibilità, chiamata anche pensione SO? Con questo termine facciamo riferimento a una prestazione economica erogata dall’INPS ai famigliari di un pensionato deceduto.

Per quanto possa sembrare simile, concettualmente si tratta di una misura diversa dalla pensione indiretta, riservata invece a un lavoratore deceduto, non ancora pensionato ma che ha maturato i contributi settimanali richiesti per legge. In questo caso, impropriamente, rientrano le situazioni in cui si parla di reversibilità dello stipendio per morte del coniuge. Quando questa prestazione è erogata dall’istituto nazionale che si occupa degli infortuni sul lavoro, non parliamo di pensione INAIL di reversibilità ma di rendita ai superstiti.

Per quanto riguarda il come richiedere la pensione di reversibilità, è possibile inoltrare domanda in via telematica all’INPS oppure rivolgersi a uno dei tanti patronati o enti intermediari dell’istituto.

Al giorno d’oggi anche la pensione di reversibilità INPDAP è gestita dall’INPS, dalla sezione Gestione Dipendenti Pubblici.

Pensione di reversibilità (categoria so – superstiti): i soggetti

Chi può usufruire della pensione di reversibilità? Tra i soggetti che ne hanno diritto troviamo:

  • il coniuge superstite, anche se separato o divorziato;
  • i figli che alla data della morte del genitore siano minorenni, inabili di qualunque età oppure studenti di massimo 21 anni (26 se universitari) a carico del deceduto;
  • i nipoti minori se a carico degli ascendenti (intesi come nonno o nonna, a seconda di chi sia il coniuge sopravvissuto).

Nel caso in cui questi soggetti non fossero presenti, la pensione di reversibilità so potrebbe essere richiesta dai genitori maggiori di 65 anni, non titolari di pensione e che figurino a carico del deceduto. Ultima alternativa sono i fratelli celibi (o sorelle nubili) dichiarati inabili e che non siano titolari di pensione.

Pensione di reversibilità moglie straniera

Una situazione abbastanza ricercata è quella di chi si preoccupa di come funzioni la reversibilità nel caso in cui la coniuge non sia di nazionalità italiana. Possiamo chiarire che non esistono limitazioni specifiche relative all’essere o meno stranieri, quanto piuttosto derivanti da criteri temporali.

Questi vincoli però si applicano solo a casi specifici. Un esempio è l’eventualità in cui il deceduto avesse più di 70 anni e la differenza di età tra i due coniugi fosse superiore a 20 anni. Qui, se dalla data del matrimonio non sono passati più di 10 anni, la reversibilità viene penalizzata del 10% per ogni anno mancante al raggiungimento di tale soglia. Si tratta di un provvedimento messo in piedi per evitare matrimoni ad hoc per sfruttare la pensione superstiti (categoria so), per esempio da parte di badanti di persone anziane.

Prestito con pensione di reversibilità: le soluzioni

prestito con pensione di reversibilità

Quando parliamo di percettori di reversibilità, troviamo diverse opzioni di finanziamento accessibili con questo tipo di pensione. Per ognuna di esse ci saranno determinati criteri che agiranno da spartiacque tra una richiesta che andrà a buon fine e una con esito negativo. Vediamole brevemente.

Prestito personale reversibilità

Il prestito personale è la soluzione più comune nell’ambito del credito al consumo ed è accessibile anche ai percettori di reversibilità. Le condizioni richieste sono relative a età (minimo 18 anni e un massimo di 75 al termine del finanziamento) e reddito. Per questo secondo parametro è fondamentale che il reddito percepito, al netto degli impegni finanziari, non sia inferiore a 700 euro. Un simile vincolo risulta quindi importante sia dal punto di vista della domanda in sé che da quello della determinazione della rata del prestito.

Ultimo, ma non per importanza, criterio valutato è la regolarità della referenza creditizia del richiedente. Questo significa che la banca o la finanziaria a cui ci si rivolge andrà a verificare, con il supporto di un sistema di informazione creditizia, i rapporti finanziari avuti in passato con altri istituti. Nel caso in cui in banca dati dovessero emergere situazioni non positive (segnalazione di cattivo pagatore, indebitamento eccessivo, troppe domande di prestito in sospeso), la domanda di prestito personale verrà respinta.

Prestito cambializzato reversibilità

Il secondo tipo di finanziamento con pensione di reversibilità (categoria so) è il prestito cambializzato. Anche qui troviamo i requisiti richiesti per la soluzione precedente. Cosa lo distingue allora dal prestito personale?

In questo caso per il richiedente che ottiene questo tipo di contratto di prestito acquisisce la possibilità di rimborsare le rate tramite RID bancario, garantito da un effetto cambiario. Si tratta di opzioni che tutelano in maniera maggiore il concedente, dal momento che le cambiali offrono un paracadute in caso di inadempienza nel regolare pagamento delle rate.

Cessione del quinto reversibilità

cessione del quinto pensione reversibilità

Una soluzione accessibile anche ai cattivi pagatori è la cessione del quinto su pensione di reversibilità. Parliamo di un finanziamento che agli occhi dell’istituto è più sicuro, perché il rimborso avviene tramite addebito diretto mensile sul cedolino INPS.

Lo stesso istituto non avrà problemi a rilasciare la quota cedibile della pensione di reversibilità, la quale eventualmente potrà essere sommata all’importo della pensione di anzianità. Queste due forme di reddito infatti possono essere cumulate tra loro, contribuendo ad aumentare l’importo della rata del finanziamento. Per determinare l’importo massimo del finanziamento sarà necessario scaricare la quota cedibile pensione reversibilità, da richiedere all’INPS o in modo telematico.

Importante in questo caso è ricordare che il reddito di sussistenza minimo è sensibilmente inferiore rispetto alle opzioni precedenti. In caso di cessione del quinto con pensione di reversibilità la soglia scende da 700 euro a 515 euro. In presenza, ad esempio, di una rata da 100 euro mensili, la cifra mensile percepita dovrà essere di almeno 615 euro.

Prestito con pensione di reversibilità: con ISICredit puoi

Ricapitolando, essere percettori di pensione di reversibilità non inibisce l’accesso al credito. Esistono diverse soluzioni di finanziamento che permettono anche a questa categoria di pensione SO di ottenere la liquidità necessaria a finanziare i propri progetti. Il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di rivolgervi all’esperienza di un consulente finanziario, in modo da essere guidati attraverso la giungla delle offerte verso quella più adatta alle vostre esigenze.

Ecco perché ISICredit si propone di aiutarvi nel trovare il prodotto ideale, mettendovi davanti a tutte le migliori alternative presenti sul mercato. Qualunque sia la tua situazione, il tuo dubbio, la tua necessità la risposta è la stessa: contattaci oggi stesso. Nel giro di pochi minuti un esperto del nostro team sarà a tua disposizione per analizzare il tuo caso e darti tutte le informazioni che cerchi, in maniera gratuita e senza impegno.

Se invece vuoi ricevere un preventivo personalizzato, non devi far altro che compilare il nostro modulo di contatto. Troverai tutte le cifre e le spiegazioni sulle condizioni delle migliori soluzioni di prestito che ISICredit ha trovato per te.

Per qualsiasi dubbio, scrivici subito un commento. Usa lo spazio qui sotto per ogni tuo quesito.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

136 commenti su “Prestito con Pensione di Reversibilità 3 Modi per Ottenerlo

  1. Salve percepisco una pensione di reversibilita di euro 478,00 più una di invalidita al 100% di 278,00 euro mi dicono che non posso richiedere nessun prestito perché non ho pagato alcune rate come posso fare a consolidare ciò grazie

    Rispondi
    • Genovaffa buongiorno,
      l’alternativa poteva essere la cessione del quinto, ma per il reddito minimo percepito non è possibile procedere nemmeno in questo senso. Non ci sono altre soluzioni concrete da prendere in considerazione, mi spiace.

  2. Salve vorrei avere un informazione, io percepisco una reversibilità inail di 670 euro al mese e possibile richiedere una cessione del quinto?

    Rispondi
  3. Buonasera, lavoro a tempo indeterminato in un ente pubblico in più prendo pensione di reversibilità di euro 465,00 posso chiedere la cessione sulla pensione avendo anche uno stipendio?

    Rispondi
    • Maria buongiorno,
      non è possibile ottenere la cessione del quinto sulla pensione; il reddito percepito è insufficiente. La somma necessaria per questo tipo di esigenze è minimo 565 euro netti (rata minima 50 euro).

  4. Vorrei avere delucidazioni in merito ha un finanziamento per una zia che percepisce pensione di reve rsibilità e invalidità per un totale di 1350€.Grazie il mio recapito 3*********

    Rispondi
    • Niculina buonasera,
      purtroppo non possiamo aiutarla. Il reddito su cui possiamo fare affidamento è solo quello Italiano e questo è troppo basso. Mi spiace