Prestiti Personali, Cessioni del Quinto, Mutui

ISIcredit: Il Piano d’Ammortamento

Piano di ammortamento all’italiana La tipologia in esame è caratterizzata da rate decrescenti nel tempo, costituite da una quota capitale C costante e da una quota interessi I decrescente. Per un rimborso in 5 anni di 10.000 euro al tasso del 5 % di interessi con rata annuale, bisognerà versare ogni anno costantemente 2000 euro a titolo di rimborso del capitale più la quota di interessi sul debito residuo. Così il primo anno si rimborseranno interessi pari al 5% di 10000, con un importo di 500 euro.

I + C = R –> 500 + 2000 = 2500

Il secondo anno la quota capitale sarà sempre di 2000 e gli interessi si calcoleranno sul debito residuo di 8000 ovvero 400.

I + C = R –> 400 + 2000 = 2400 e così via.

Piano di ammortamento alla francese
Questa tipologia di piano di rimborso ha come caratteristica l’elemento della RATA COSTANTE. Le singole rate vengono calcolate attraverso una formula matematica:

R = Capitale prestato x {1 – (1 +i)-n } / i
dove: i = tasso d’interesse n = numero annualità

Avendo una rata costante, le prime saranno caratterizzate da una maggiore percentuale di quota interessi e di una minore di quota capitale, fino alle ultime che contengono una quota sempre più bassa di interessi e una maggiore di capitale. In definitiva, il piano di rimborso alla francese, con annualità costanti è quello maggiormente utilizzato nella prassi, e come sostanziale peculiarità ha che se si intende estinguere anticipatamente il mutuo nei primi anni di vita dello stesso, il debito residuo fino ad quel momento rimborsato sarà stato di misura molto ridotta, perchè i versamenti effettuati, saranno andati maggiormente a coprire la parte di interessi dovuti. Con la conclusione che lo stesso debito residuo sarà ancora consistente. Per quanto riguarda la durata del prestito, la sua scelta è vincolata al rispetto di taluni parametri, legati essenzialmente all’età del mutuatario; come già detto in precedenza, le banche impongono che il pagamento dell’ultima rata prevista dal piano di rimborso non debba avvenire oltre il compimento del 75/85esimo anno di età dello stesso mutuatario (questo valore varia a seconda della banca erogante).

Per cui chi ha ad es. 55 anni (nel caso di banche che come limite massimo hanno i 75 anni di età) può ottenere un mutuo al massimo per 20 anni. Con la conseguenza che il prestito sarà di ammontare ridotto rispetto a chi ha un’età di 45 anni (a parità di reddito). Il tasso al quale vengono calcolati gli interessi dovuti, può essere da contratto variabile o fisso.

Il 93 % dei nostri clienti è soddisfatto del nostro servizio

Approfitta dell'opportunità, prenota un contatto entro i prossimi 15 minuti ! Già 8 utenti hanno approfittato di questo vantaggio negli ultimi 30 minuti.

Grazie

Sarai contattato in 24h