Ottengo il Mio Prestito!

Troppi debiti finanziari: 3 soluzioni

Debiti è una parola diventata purtroppo di uso comune al giorno d’oggi. Avere debiti è una situazione frequente per le numerose famiglie italiane in difficoltà, che si barcamenano tra un finanziamento e l’altro per poter coprire le loro spese.

Non è raro infatti che un colpo di sfortuna o un evento imprevisto rendano quei prestiti, sostenibili fino a prima, degli ostacoli insormontabili nel momento di dover rimborsare una nuova rata. I finanziamenti che hai aperto stanno diventando troppi e temi di non sapere come estinguere i debiti? Arrivi alle scadenze mensili e nello sconforto ti dici “ho troppe rate da pagare”? Non ti preoccupare, perché esiste una soluzione. Come si chiama? Sicuramente avrai sentito parlare dell’esistenza di un “prestito per estinguere altri prestiti”.

Il nome corretto di questo finanziamento però è prestito consolidamento debiti ISICredit. La nostra società opera da oltre 10 anni sul mercato creditizio, aiutando tantissime persone in difficoltà. Se sei indebitato, lasciaci un commento, spiegaci la tua situazione: i nostri consulenti finanziari saranno da te in men che non si dica per proporti la soluzione più adatta a risolvere il tuo problema!

“Sono sommerso dai debiti!”: come ci si è arrivati?

Lo scenario che accomuna molti dei nostri lettori è quello di essere indebitati fino al collo. Spesso ci si rende conto di questa situazione solo quando è già avviata e ci accorgiamo di non riuscire a far fronte a un eccessivo indebitamento.

Ma facciamo un passo indietro, come siamo arrivati al punto di dover cercare una soluzione, di chiederci come risanare i debiti contratti? Basti pensare al mutuo che ha reso possibile comprare casa, realizzando il sogno tuo e della tua famiglia. Quel mutuo però è anche un impegno che dura anni e anni, andando a intaccare buona parte del reddito familiare.

Poi sono arrivati i piccoli prestiti, quei finanziamenti aperti per l’acquisto di particolari beni, come potrebbe essere l’auto. Anche questi rappresentano una pratica ormai consolidata in Italia, dal momento che consentono di accedere a un bene che altrimenti non potremmo permetterci, rinviando la spesa al futuro.

Sono solo due esempi, che fanno però capire come sia facile arrivare a uno scenario in cui le rate, magari individualmente piccole, si accumulano tra loro. Tanti piccoli sassolini che alla fine formano una montagna, con il rischio che questa finisca per franare addosso al debitore, anche al più accorto.

L’imprevisto è sempre dietro l’angolo e specie al giorno d’oggi la situazione lavorativa non è rosea. Succede così che quella scadenza prima sostenibile diventi un esborso al quale non si riesce più a far fronte, creando una situazione di debito insoluto. Qui inizia la ricerca di un modo per cancellare i debiti di finanziamento, come nel caso in cui il consumatore si trovi ad aver contratto troppi debiti con finanziarie. Le soluzioni per estinguere un debito, come vedremo, sono diverse a seconda del caso ma entreremo nel merito nelle prossime righe.

Debiti non pagati: cosa succede?

Come detto, lo scenario adesso è quello in cui ci siamo resi conto di non sapere come pagare i debiti. La prima sensazione sarà quella di impotenza davanti a una situazione forse nuova e apparentemente senza scampo, con il timore di trovarsi abbandonati a se stessi. “Non riesco a pagare i debiti, cosa mi succede?” è la domanda che poco tempo fa ci ha posto un nostro lettore. In un contesto di debiti con la banca non pagati le conseguenze sono, in ordine:

  • l’applicazione di interessi maggiorati (mora) sulla rata il cui pagamento è in ritardo e, quindi, in sospeso;
  • la segnalazione al CRIF o a uno degli altri sistemi di informazione creditizia (SIC) del nominativo del debitore insolvente.

Quest’ultima è particolarmente rilevante dal momento che può portare all’iscrizione nella lista dei cattivi pagatori. In tal caso, sorgeranno per il consumatore tutti i relativi problemi di accesso al credito e l’impossibilità di ottenere nuovi finanziamenti. Nel caso in cui la situazione si protraesse, il creditore potrà attivarsi facendo richiesta per un recupero forzoso del credito. Dopo i primi solleciti da parte della società incaricata, si passerà alla decadenza dal beneficio del termine e alla risoluzione del contratto.

Questo significa che l’estinzione dei debiti non potrà più avvenire a rate e ne verrà richiesto il saldo in un’unica soluzione. Se l’insolvenza perdurasse, lo step successivo sarebbe l’avviamento di una procedura esecutiva forzata, che potrebbe culminare in un possibile atto di pignoramento per il recupero del credito.

Niente panico però, nulla è perduto: questo è lo scenario che si presenta davanti a chi non fa nulla per sistemare le cose e rimanda senza fare qualcosa di concreto. Però una soluzione c’è sempre e ISICredit ha quella che fa per te: richiedi subito un preventivo gratuito per il nostro Prestito consolidamento debiti! Saremo da te entro un minuto, pronti a mostrarti le migliori offerte sul mercato finanziario per risolvere il tuo problema.

Dopo quanti anni i debiti vanno in prescrizione?

Erroneamente si pensa che una soluzione estrema al sovraindebitamento sia semplicemente… aspettare. In un dialogo paradossale che ci è capitato di sentire tra delle persone, una diceva alle altre “Sono piena di debiti, aiutatemi!”. Una di queste, dal canto suo, rispondeva “Ma non ti preoccupare, basta che aspetti la prescrizione!”. Chiariamoci subito: NON funziona così. 

Facciamo chiarezza: la prescrizione fa sì che il creditore perda il diritto di esigere il pagamento del credito, perché ha perso il diritto non avendolo fatto valere entro una certa scadenza. La prescrizione dei debiti finanziari, bancari, relativi alla carta di credito avviene dopo 10 anni dalla data di stipulazione del contratto. Questo significa che la rilevanza temporale non è data alle singole rate, quanto alla data di concessione del finanziamento. Fino a qui sembra che il nostro ignaro “furbetto” potesse avere ragione, MA… c’è un ma decisamente rilevante.

Quello che forse non sapeva è che il termine dei 10 anni si rinnova ogni volta che la banca o l’istituto finanziario invia un sollecito di pagamento bonario o una diffida ad adempiere, anche per mezzo di società di recupero crediti. Quindi, anche se tali comunicazioni dovessero arrivare un solo giorno prima della scadenza dei dieci anni dalla stipula del contratto, tale termine ripartirebbe da zero.

Quindi, se ti stai chiedendo “Cosa posso fare se non riesco a pagare i debiti?”, la risposta sicuramente non è quella di aspettare la prescrizione. La soluzione? È a portata di mano, con ISICredit!

Troppi debiti, come fare?

Arriviamo così al punto di tutta la questione: ti serve un aiuto per far fronte ai debiti finanziari e stai cercando un modo per ripagare un debito a rate. Come anticipato, sono diverse le soluzioni a disposizione del consumatore per liberarsi dai debiti accumulati. Non tutte però sono sempre attuabili, restringendo gradualmente il campo delle scelte come una sorta di imbuto.

Avrete magari sentito parlare della possibilità di usare un anticipo tfr per pagare i debiti: questo altro non è che la cessione del quinto o la delega di pagamento, validissimi sistemi di rimborso di un finanziamento. La solida garanzia offerta dalla busta paga o dal cedolino pensionistico forniscono una risposta al come sistemare i debiti senza soldi, perché permettono di ottenere nuova liquidità in prestito per far fronte alle proprie esigenze.

Purtroppo però questa strada non è sempre percorribile, perché magari la procedura di cessione del quinto è già in atto (e non rinnovabile) o non si rispettano i requisiti necessari per chiederla. Come eliminare i debiti allora? Si può tentare la strada dell’accordo a saldo e stralcio con l’istituto che ha concesso il finanziamento, convenendo una risoluzione dei debiti per un importo inferiore a quello stabilito fin prima. È facile intuire come questa soluzione sia di rara applicazione, perché significherebbe per la banca perdere ciò che le spetta.

Quello che rimane allora per arrivare al risanamento sono i prodotti che rientrano tra i prestiti per sovraindebitati, cioè il cosiddetto “prestito per pagare debiti”. Compila il nostro form per avere tutte le informazioni che ti servono sul Prestito consolidamento debiti ISICredit ! I nostri esperti sono a tua disposizione, pronti ad ascoltarti.

Come uscire da una situazione debitoria con ISICredit

Hai troppe rate da fronteggiare con Findomestic e vuoi saldare i tuoi debiti? Sei alla ricerca di liquidità per un’estinzione (anche parziale) di un prestito con Agos? A fine mese hai troppe rate da pagare e non sai come fare? Il prestito consolidamento debiti di ISICredit ti permette di ottenere un’unica rata per i tuoi prestiti, fornendoti un modo per uscire dai debiti.

Non è più tempo per le domande, non c’è più spazio per “non riesco a pagare i debiti, come posso fare?”: è il momento di agire. Contattaci o lasciaci un commento, ci impegniamo a trovare la soluzione per te, in tempi rapidi e con la massima discrezione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “Troppi debiti finanziari: 3 soluzioni

  1. Sono in una brutta situazione. Non riesco più a pagare i finanziamenti e le carte revolving e non so come fare. Sto accumulando ritardi.
    Sono pensionata ex inpdap.
    Ho 71 anni. Ho bisogno di un aiuto che non sia cessione del quinto.
    Grazie

Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif