Ottengo il Mio Prestito!

In 9 Punti: Cosa Succede se non si Paga un Recupero Crediti? Ottieni un Prestito!

Gestire una Società di Recupero CreditiCosa succede se non si paga una società di Recupero Crediti?

In questo articolo abbiamo riassunto in 9 punti tutto ciò che riguarda le conseguenze del non pagare una società di recupero crediti per prestiti personali, carte di credito, mutui ed altri finanziamenti, ma anche chi sono e cosa possono fare e non fare queste società.

Troverai anche la soluzione per gestire questa momentanea situazione, anche tramite la richiesta di un nuovo finanziamento.

Per quest’ultimo aspetto puoi affidarti alla nostra società; da ormai 15 anni ISICredit è attiva nel settore del credito anche a clienti che vivono un momentaneo disagio. Sono oltre 6000 clienti ogni mese ad affidarsi alla nostra realtà.

Per una consulenza gratuita, anche a domicilio, clicca qui ed accedi al modulo di contatto. Inserisci i pochi dati richiesti ed entro 24 ore un nostro esperto si metterà in contatto diretto con te. La richiesta non sarà segnalata a nessuna banca dati creditizia.

Prestito Personale Online ISICredit

1. Che Cos’è il Recupero Crediti?

recupero-crediti-chi-sonoLa società recupero crediti è un istituto competente che svolge un’attività con lo scopo di ottenere il pagamento di un credito che il debitore ha nei confronti di una Banca o finanziaria.

E’ quindi una sorta di attività di mediazione tra il creditore ed il debitore, che cercano di intraprendere una via semplice, prima di arrivare a quella giudiziaria per il mancato saldo del debito.

Tra le più citate ricordiamo alcuni nomi: la società Geri recupero creditiMaran recupero creditiFire recupero crediti.

2. Recupero Crediti Come Funziona

Rispondiamo in 3 Punti alla Domanda: Le Agenzie di Recupero Crediti cosa Possono Fare?

a. L’agenzia di recupero crediti inizia solitamente sollecitando telefonicamente e tramite la lettera recupero crediti il debitore a risarcire il debito.

b. Avvenute le diverse telefonate, ma nessun debito saldato, potrà arrivare un esattore a casa tua. Quindi alla domanda: il recupero crediti può venire a casa?

La risposta è si, posso venire direttamente a casa del debitore, ovviamente dovendo adottare tutti gli accorgimenti per evitare la lesione della privacy. Il debitore comunque ha pieno diritto di non aprire né dialogare con quest’ultimo. E’ vietato infatti, introdursi in casa senza consenso.

c. Il recupero crediti può proporti di pagare l’importo del debito residuo del tuo prestito, mutuo, carta di credito o finanziamento in generale, in un’unica soluzione, oppure di suddividere il pagamento tramite delle rate o tramite il saldo a stralcio. Per maggiori approndimenti su questo argomento, clicca qui.

Prestito Personale Online ISICredit

3. Elenchiamo in 8 Punti Le Agenzie di Recupero Crediti cosa Non Possono Fare

a. Le società di recupero crediti non possono minacciare di avviare un pignoramento, qualunque esso sia, in quanto questa azione deve essere autorizzata da un giudice.

b. Anche la segnalazione in banca dati Crif o qualsiasi altra non può essere fatta dal recupero crediti, ma può partire solo dalla finanziaria o dalla banca a cui spetta il rimborso.

c. Il sollecito pagamento non può avvenire con chiamate ad orari irragionevoli, con frequenza esagerata ed in luoghi non appropriati.

d. La società di recupero crediti deve dire al debitore per conto di chi chiama, per quale credito ed il numero deve essere visibile e non nascosto.

e. La società di recupero crediti non può fornire informazioni false ed ingannevoli solo per cercare di intimorirti. Non possono in nessun modo minacciare azioni legali.

f. Non possono comunicare le informazioni sui mancati pagamenti a soggetti diversi dal diretto interessato, come parenti o vicini.

g. Sono vietate le telefonate preregistrate

h. E’ vietata l’affissione di avvisi di mora sulla porta del debitore, di cartoline postali o plichi con scritta “recupero crediti”, violando così la violazione della privacy.

4. Cosa Succede se non Pago il Recupero Crediti Quindi?

Recupero Crediti ConseguenzeSe continui a non saldare il debito dei tuoi finanziamenti attraverso la società della tua città (esempio recupero crediti Milano recupero crediti Roma), nonostante i continui solleciti telefonici e tutte le possibili opportunità di saldo che ti saranno proposte, queste rate rimarranno insolute e si darà inizio a conseguenze rilevanti, come il pignoramento.

Le società di recupero crediti non svolgono attività giudiziale, ma possono solo sollecitare il pagamento.

Pertanto il pignoramento deve partire direttamente da una decisione della Banca o finanziaria con cui si ha il debito. Prima di procedere con il pignoramento, parte un decreto ingiuntivo, a meno che non si parli di mutuo stipulato davanti ad un notaio, cambiale o assegni che hanno già di per sé un titolo esecutivo.

Prestito Personale Online ISICredit

5. Dividiamo Quindi la Procedura del Pignoramento in 2 Parti

a. Se il debitore non paga, ma il creditore è già in possesso del titolo esecutivo (come il mutuo), si dovrà notificare un precetto e dopo circa 10 giorni si potrà ricorrere all’ufficiale giudiziario avviando il pignoramento deciso.

b. Se invece il debitore non paga, ma si è privi di titolo esecutivo:

  • Se il debitore ha una prova scritta del credito insoluto, può richiedere direttamente un decreto ingiuntivo. Saranno lasciati al debitore 40 giorni di tempo, dopodiché se non paga, potrà scattare l’esecuzione forzata.
  • Se invece non si ha prova scritta, dovrà avviare una causa ordinaria e solo dopo l’esito si potrà, nel caso, agire con un pignoramento.

In tutti i casi comunque, il debitore sarà sempre messo nella condizione di potersi difendere, nonostante i crediti in sofferenza in corso.

6. Recupero Crediti Cosa Possono Pignorare? I 4 tipi di Pignoramento

  1. PignoramentoPignorare beni mobili, quindi tutti i beni non compresi dentro ai beni immobili.
  2. Avviare il pignoramento, per chi ne è titolare, di pensioneconto correntestipendio o redditi. Il pignoramento della pensione e dello stipendio può essere massimo di 1/5.
  3. Beni immobili.
  4. L’automobile, con l’iscrizione del vincolo nel Pra (Pubblico Registro Automobilistico).

Anche il garante del credito, avendo pari responsabilità a quelle del debitore, sarà coinvolto nel recupero crediti e tutte le eventuali azioni saranno rivolte anche a lui.

7. Recupero Crediti: Cosa mi Possono Fare se non Pago e sono Disoccupato?

Recupero Crediti in caso di disoccupazioneCome abbiamo scritto anche poco fa, se sei disoccupato questo vuol dire che non potranno pignorarti 1/5 dello stipendio, ma se hai di beni di proprietà possono pignorarti i beni mobili, immobili e l’automobile. E se sono nullatenente?

Allora in questo caso il creditore non potrà recuperare nulla e dovrà rinunciare al credito, ma tu non avrai più la possibilità di ottenere altri finanziamenti.

In questo caso possiamo anche parlare di crediti inesigibili, ovvero un credito dovuto, ma con un altissima probabilità che non venga pagato dal debitore.

Come ad esempio il fallimento di un’azienda e parleremo in questo caso di un’attività di recupero crediti svolta con esito negativo.

8. E se il Debitore dovesse Decedere?

In caso di morte, tutti i debiti non prescritti passeranno in modo automatico a tutti gli eredi, che ne dovranno rispondere con il proprio patrimonio. E’ importante sapere questa cosa.

Ovviamente questo argomento riguarda i debiti nei confronti di privati; non può verificarsi questa condizione se parliamo di prestiti pesonali, mutui, carte di credito o finanziamenti in generale.

9. Come Evitare Recupero Crediti: Prestito per Cattivi Pagatori

Soluzione per ottenere un finanziamentoPer evitare di arrivare a conseguenze spiacevoli come il pignoramento, trovandosi nell’impossibilità di pagare un debito per liquidità mancante, ISICredit può aiutarti anche se hai avuto problemi di ritardo nei pagamenti o crediti non ancora saldati.

Potrebbe anche essere che tu abbia ricevuto uno sfratto da parte dei proprietari, trovandoti così più situazioni da dover affrontare. Scegli quindi il finanziamento che ti aiuta anche in situazioni di difficoltà!

Puoi ottenere cifre molto elevate come 50000 euro con un piano di ammortamento che arriva fino a 120 mesi. Per una consulenza e/o un Preventivo Gratuito e senza impegno, affidati ad ISICredit, riacquista la tua serenità!

Prestito Personale Online ISICredit

Hai delle domande?

Domande e Risposte su Prestiti Personali, Cessioni del Quinto, MutuiQui sotto trovi uno spazio dedicato. Scrivi la tua domanda, ti risponderemo tempestivamente! Ogni giorno oltre 10 utenti utilizzano questo servizio, assolutamente gratuito. Approfittane anche tu!

Domanda di un nostro cliente
Buongiorno, mi chiamo Gianfranco e scrivo da Alessandria. Mesi fa ho smesso di pagare il finanziamento della macchina. Si tratta di un prestito personale in realtà, perciò non è legato alla macchina che ho acquistato. Ho ricevuto prima delle segnalazioni dalla finanziaria e successivamente mi ha contattato anche una società di recupero crediti.

La società di recupero crediti da qualche giorno mi sta costantemente addosso per convincermi a pagare, ma io i soldi non ce li ho per rimborsare tutto il prestito. Cosa posso fare? Posso fare un altro prestito per chiudere l’altro? Cosa succede se non si paga un recupero crediti? Gianfranco.

Risposta
Buongiorno Gianfranco. Anche se il prestito personale non è vincolato al veicolo che ha  acquistato, non avendo pagato la società di recupero crediti, potrebbero procedere con la richiesta di pignoramento del suo stipendio, se lavora come dipendente, o dei suoi beni di proprietà, tra cui anche l’auto.

Per pagare il recupero crediti e risolvere la sua situazione, però, non può accedere ad un prestito personale ed estinguere il recupero crediti, in quanto le segnalazioni dei mancati pagamenti le impedirebbero di ottenere il prestito personale.

L’unica cosa che può fare per pagare il recupero crediti, ma solo se lavora come dipendente o se è titolare di una pensione, è richiedere la cessione del quinto, ovvero il prestito in busta paga o sulla pensione che permette di finanziare anche i cattivi pagatori e anche coloro che hanno una posizione aperta con un recupero crediti. 

In questo modo potrebbe riuscire ad evitare il pignoramento, e potrebbe anche riuscire ad ottenere, oltre all’estinzione della somma dovuta al recupero crediti, della liquidità in più da utilizzare per se.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

144 commenti su “In 9 Punti: Cosa Succede se non si Paga un Recupero Crediti? Ottieni un Prestito!

  1. Buongiorno. Avevo un ordine di pagamento sul mio conto corrente verso una finanziaria per il recupero di un credito verso una banca. Ho perso il lavoro e quindi ho sospeso temporaneamente questo pagamento in attesa di trovare un altro lavoro. Ho comunicato questa mia situazione alla finanziaria e mi hanno detto che non avrei potuto farlo. A cosa vado incontro? Grazie.

  2. Buongiorno,se una badante che ha appena ottenuto un prestito con residenza per motivi lavorativi si rendesse irreperebile potrebbe recare problemi alle persone che hanno la stessa residenza?

  3. Ho uno scoperto con la. Banca… Mi sono venuti a cercare sul posto di lavoro.. Possono farlo?..ora vorrei fare un prestito con cessione del quinto per saldarlo, ho un contratto indeterminato con una grande azienda, ma da solo 4 mesi(lavoro con loro già da 4 anni). Posso chiedere la cessione del quinto?

    • Salve io ho smesso di pagare un abbonamento della tre perche mi è arrivata una bolletta di 700 euro senza motivazione e con loro non ce stato verso di trovare una soluzione pra il recupero crediti mi tartassa cosa posso fare?

Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif