Rate non Pagate? Conseguenze per il Garante del Prestito?

Quali sarebbero le conseguenze per il garante del prestito nel caso in cui le rate non venissero pagate? Come abbiamo già detto altre volte, il garante del prestito ha un ruolo fondamentale nel prestito personale sia in fase di valutazione della richiesta di prestito personale, sia nella fase successiva all’erogazione del prestito personale.

Il garante del prestito, infatti, è molto utile nell’effettuare una richiesta di prestito personale, in quanto il “punteggio della richiesta di prestito personale” con la firma di un garante del prestito, aumenta molto, soprattutto se il garante del prestito ha un “buon profilo”, quindi se il garante del prestito è un buon pagatore, ha un lavoro stabile e ben remunerato e così via.

Ottenuto il prestito personale, però, il garante del prestito non ha terminato il suo compito perché, se così fosse, la figura del garante del prestito non avrebbe senso. Nella fase successiva all’erogazione del prestito personale, quindi, il garante del prestito ha il diritto/dovere di tenersi informato e di essere informato dal richiedente principale del prestito personale circa il corretto pagamento delle rate del prestito.

Se il richiedente del prestito personale dovesse essere in difficoltà, egli ha il compito di avvertire per tempo il garante del prestito, in modo tale da permettergli di intervenire prima che le rate restino non pagate. Il garante del prestito, dunque, ha l’obbligo di pagare le rate del prestito personale qualora il richiedente principale del prestito personale si trovi in difficoltà nel pagamento di una o più rate.

Questa comunicazione tra il richiedente e il garante del prestito è importante per entrambi in quanto, provvedendo tempestivamente, si riesce ad evitare una spiacevole segnalazione in crif e nelle altre banche dati creditizie, che impedirebbe sia al richiedente che al garante del prestito di richiedere nuovamente un prestito personale.

Questo, quindi, è ciò che avviene per un ritardo di una o più rate. Nel caso, invece, in cui le rate del prestito personale non vengano affatto pagate, anche il garante del prestito ne risponde, eventualmente anche con i suoi beni, qualora il richiedente del prestito non dovesse riuscire a coprire il debito anche con eventuali pignoramenti.

Prima di fare, quindi, da garante del prestito ad un amico o parente che stia richiedendo un prestito personale, è importante considerare quando abbiamo descritto, perché il cattivo rimborso del prestito personale può causare problemi anche al garante del prestito, qualora volesse in futuro fare richiesta di prestito personale.

ISIcredit

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

27 commenti su “Rate non Pagate? Conseguenze per il Garante del Prestito?

  1. Salve…volevo avere alcune informazioni in quanto nell aver fatto da garante di un prestito a mio fratello ha pagato delle rate con giorni di ritardo e quindi la segnalazione ke ho avuto al crif dopo un periodo si annullera o resterò segnalata a vita ? Grazie

  2. aiutatemi per favore, mia figlia madre di 2 bambini di 10 e 12 anni ha posto la sua firma come garante per un finanziamento con il suo ex marito, da 2 anni sono separati e lui non ha pagato 7 rate di finanziamento.La mia domanda è questa poteva la finanziaria non avvisarla di questo mancato pagamento ? IL TERMINE DEL FINANZIAMENTO è DEL 31 DIC.2016.La finanziaria a passato i tutto a un agenzia di recupero crediti e ha chiesto piano di rientro x altri 8 anni,la mia domanda è mia figlia sarà sempre garante anche x questi 8 anni senza aver firmato nulla? vi ringrazio tantissimo

    • Buonasera Ornella.
      Il contratto non è variato, per cui Sua figlia comunque rimane garante del finanziamento. La finanziaria avrebbe sicuramente dovuto avvisare Sua figlia, ma avrebbe senso puntare su questo se aveste intenzione di rimborsare il debito e chiedere la cancellazione della segnalazione negativa.
      Saluti.

  3. buongiorno a lei e’ grazie ..si la cessione del quinto di mio padre e’ stata estinta dal assicurazione. si mia madre ha chiesto la pensione di reversibilita’, che ancora non e’ stata accreditata solita burocrazia di tempi dovuti..grazie!

    • Buonasera Luca.
      Per rispondere comunque alla Sua domanda, visto che suo padre era nullatenente dubito abbia accettato l’eredità. In questo caso Lei non rischia nulla.
      Saluti.

  4. buongiorno..ho bisogno del vostro aiuto gentilmente. mia madre ha richiesto un finanziamento 12 mesi fa’ mio padre ha fatto da coobbligato..due mesi fa’ mio padre e deceduto, mia madre non riesce piu’ a pagare il debito..rate da 500 euro mensili..mia madre e nulla tenente..ha solo una pensione con gia’ una cessione del quinto..mio padre era nulla tenente solo una pensione con cessione del quinto..la mia domanda e’ possono cercare me’ il figlio ,possessore di una casa dipendente privato con cessione del quinto ..garazie del vostro aiuto un saluto..

    • Buongiorno Luca.
      La cessione del quinto di Suo padre deve essere estinta dalla polizza assicurativa. Sua madre non ha chiesto la pensione di reversibilità?

  5. Ah.ok. Grazie…sto leggendo molto a riguardo. E ho trovato addirittura che la pensione se inferiore a 2.500 euro può essere pignorata nel limite di un decimo. E che il decimo si calcola sulla pensione al netto delle tasse e sottraendo la quotazione del minimo sociale . ..in pratica molto meno di 380 euro….l’unico problema l’ha creto la riforma monti che essendo banchiere ha cercato di innalzare i limiti di pignorabilità. .ma pare che la giurisprudenza stia rimettendo le carte apposto. Grazie comunque per la collaborazione a capire queste cose.

    • Buongiorno.
      Stia attendo ad interpretare correttamente ciò che legge in quanto le leggi sono tante e spesso complicate. Ad ogni modo quello a cui si riferisce se non ricordo male vale per i pignoramenti di equitalia, non per debiti contratti con privati. Ad ogni modo un avvocato in questi casi può essere sicuramente più utile e comunque si può fare opposizione all’esecuzione dei pignoramenti che spesso vengono fatti dai giudici senza troppi problemi.
      Saluti.

    • Assolutamente provvederebbero al pignoramento dell’immobile, ma comunque si fa tramite azione legale, non è che vendono la casa a sua insaputa. Se l’immobile non dovesse bastare possono essere pignorati altri beni anche del garante, anche la pensione nel limite di un quinto, ovvero un 20%, quindi 380 euro nel caso di Suo padre.

  6. Essendoci l,ipoteca sulla mia casa. Per gli immobili devono agire prima sulla mia casa. Quello che chiedevo io…forse non stato preciso…e’ per pignorare la pensione di mio padre… Premesso quello che mi diceva lei e quindi che la banca dovrebbe farlo tramite una procedura legale perché è necessario l’intervento di un giudice…ci sono dei limiti sulla pignorabilità della pensione di mio padre? E più precisamente…lui ha una pensione di 1.900 euro. Quanto potrebbe pignorare il giudice? Grazie mille.

  7. Sono il richiedente del mutuo. Secondo richiedente e’ mio padre. Ipoteca sulla casa e conto intestato solo a me. Mi domandavo: Se dovessi non poter pagare in futuro in attesa di vendere l’immobile, la banca può coercivamente prendersi la rara del mutuo dal conto di mio padre o mettere in vendita i suoi beni? Grazie

    • Buongiorno Bmac.
      Non può farlo la banca di sua iniziativa e autonomamente, ma possono agire per vie legali e ottenere il pignoramento dei beni di Sua proprietà come dei beni di proprietà di Suo padre.
      Saluti.

  8. Salve volevo sapere se mio cognato fa da garante a me x un aquisto casa avendo un ‘impiego statale,,,lui può aquistare casa ed io farei da garante a lui?e sono un ‘impiegata statale anchio,tutto cio perche abbiamo una cessione del quinto,e quindi x la banca ,ci vuole il garante .grazie

    • Buonasera Ornella.
      Per il Suo mutuo non ci sarebbero problemi, ma lui potrebbe avere difficoltà dopo ad ottenere il suo mutuo perché entrambi sareste già impegnati con il primo mutuo. Di conseguenza in questi casi è tutta questione di importi richiesti, rate da pagare, e somme dei redditi.
      Saluti.

  9. Buona sera, ho fatto da garante ad una finanziaria per mio marito e sono due anni che lui non paga e sto pagando io, ora sono arrivata al 50% della cifra che si doveva ma è possibile che devo rimborare tutto io? Ma l’avallare non risponde della metà? Grazie.

    • Buongiorno Rita.
      Richiedente e garante rispondono in solido della totalità del debito. Il garante può poi chiedere al richiedente la restituzione della somma versata.
      Saluti.

  10. salve volevo una spiegazione riguardo a mio padre che ha fatto da garante a mia sorella per un acquisto di una casa.pultroppo sono diversi mesi che mia sorella non paga il mutuo cosa gli succede a mio padre avendo una pensione bassa ma con una casa di proprietà.

    • Buongiorno Vito.
      Anche suo padre, come sua sorella, verrà segnalato negativamente nelle banche dati creditizie. In caso di mancato pagamento del mutuo in genere si procede al pignoramento dell’immobile su cui esso grava, essendoci un’ipoteca.
      Saluti.

  11. Buona sera,volevo delle informazioni.
    Io circa un’anno fa ho firmato come garante per un prestito fatto dai miei genitori, ora è da diverso tempo che hanno delle difficoltà economiche e non hanno pagato le rate.. io non posso provvedere al pagamento. non abbiamo beni. la pratica è già stata passata alla agenzia di crediti, che ci hanno già segnalato al crif. cosa succederà?

    • Buongiorno Veronica.
      Oltre alla segnalazione crif si rischia il pignoramento dei redditi e di beni di proprietà che possono anche essere i mobili presenti presso l’abitazione di residenza dei richiedenti.
      Saluti.

  12. Buongiorno isicredit.
    siccome ho lasciato in arretrato delle rate volevo sapere se ci sono conseguenze per mio fratello che mi ha fatto da garante. Le rate le sto pagando adesso regolarmente ma ce ne sono tre in arretrato e non riesco a rientrare. mi preoccupo però più per aver provocato un eventuale danno a mio fratello. attendo una risposta.
    p.s. grazie per il servizio che date, non ci sono in giro blog come il vostro. betta.

    • Buongiorno Betta.
      Poiché suo fratello le ha fatto da garante anche lui è responsabile nei confronti della finanziaria. Per questo motivo un’eventuale segnalazione negativa provoca danni sia a lei che a suo fratello che, fino ad avvenuta cancellazione automatica da crif, non potrà richiedere dei prestiti. Se sta pagando le rate altre problematiche non ce ne sono. Dovreste però cercare di rientrare il prima possibile per evitare gli interessi di mora e per ottenere quanto prima la cancellazione delle segnalazioni negative.
      Saluti.

  13. Buongiorno Luca.
    Il garante nel prestito personale ha gli stessi vincoli del richiedente. Se il richiedente non riesce a pagare, deve provvedere il garante, in questo caso lei, pena la segnalazione in crif come cattivo pagatore per entrambi.
    Saluti.

  14. Buongiorno, cosa succede al garante se un prestito non viene pagato? Per acquistare la macchina alla mia ragazza hanno chiesto la firma di un garante e io sono d’accordo nel firmare ma prima di procedere voglio capire bene a cosa vado in contro. Se ad esempio lei domani smette di pagare, io che conseguenze ho? Luca

Ottengo il mio prestito!

Preventivo gratis Preventivo gratis
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif