Ottengo il Mio Prestito!

Cos’è l’Atto di Benestare nella Cessione del Quinto?

Atto di BenestareAtto di Benestare nella Cessione del Quinto

L’atto di benestare nella cessione del quinto è il documento che sancisce il termine dell’iter della cessione del quinto. Si tratta di un documento legato al prestito tramite cessione del quinto e delega di pagamento che banche e finanziarie emettono ed inviano, assieme a copia del contratto, con la notifica effettuata presso l’amministrazione di appartenenza del richiedente.

Prestito Personale Online ISICredit

Atto di Benestare: Iter

Dopo la firma del contratto di finanziamento, la banca o finanziaria inoltra in ditta, se si tratta di cessione del quinto a dipendenti, presso l’INPS, se si tratta di finanziamento a pensionati, l’atto di benestare.

L’invio può avvenire tramite raccomandata o tramite posta certificata pec.

Quando l’amministrazione (azienda) del richiedente (dipendente o pensionato) riceve la notifica con allegato questo documento, viene a conoscenza dell’operazione in fase di perfezionamento.

L’amministrazione del richiedente effettua, quindi, i dovuti controlli basandosi sulle informazioni riportate nell’atto e sul contratto di cessione del quinto e ne verifica la veridicità.

Verificate tali informazioni, se errate, l’amministrazione provvede a comunicare alla finanziaria quali siano i dati reali. In questo caso occorre spesso emettere un nuovo contratto e ripetere la procedura di notifica.

Se i dati riportati sull’atto di benestare sono esatti, l’amministrazione timbra e firma questo documento e lo invia alla finanziaria.

Quest’ultima provvede pertanto ad effettuare la liquidazione della cessione del quinto o delega di pagamento, ovvero ad emettere l’assegno o a bonificare l’importo al cliente.

Atto di Benestare: L’azienda non firma questo documento

A volte capita che l’amministrazione non firmi l’atto di benestare inviato dalla finanziaria ma ne emetta uno proprio, in questo caso si parla di atto di benestare sostitutivo.

Raramente l’amministrazione può, per politica aziendale, non firmarlo e nemmeno emetterne uno sostitutivo. Si attiverà per la messa in quota della rata.

La messa in quota cos’é? Si verifica quando l’azienda che non ha firmato l’atto di benestare, trattiene al dipendente la rata dallo stipendio. Questa procedura certifica l’impegno a rimborsare mensilmente le quote previste dal piano di ammortamento.

Questa procedura, poco frequente, viene ugualmente accolta dagli istituti finanziari, quindi si attiveranno per l’erogazione del finanziamento.

Clicca qui per sapere cosa fare in questi casi.

Prestito Personale Online ISICredit

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Cos’è l’Atto di Benestare nella Cessione del Quinto?

  1. buonasera per cortesia vorrei sapere il mio residuo cessione del quinto dello stipendio numero contratto 210938 intestato a ******* filippo cod.fisc. **************** ………..distinti saluti

  2. Buongiorno vorrei un informazione ho fatto un finanziamento con delega che e stato approvato lavoro in un’azienda privata ora vorrei capire se il mio datore non firma che succede..

    • Nicola buongiorno,
      se l’azienda non firma l’atto di benestare, il finanziamento non sarà erogato. Prima di procedere non si è informato in amministrazione se disponibili a procedere con questo secondo prestito in busta paga?

      Distinti saluti
      ISICredit

Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif