Ottengo il Mio Prestito!

Cosa succede se l’amministrazione trattiene la rata prima della liquidazione

Cosa succede seLa cessione del quinto prevede un iter ben definito che segue determinati passaggi:

  • Preventivo di cessione del quinto
  • Accettazione del preventivo di cessione del quinto
  • Istruttoria della cessione del quinto
  • Delibera della cessione del quinto
  • Firma del contratto di cessione del quinto
  • Notifica della cessione del quinto presso l’amministrazione
  • Firma e invio dell’ atto di benestare da parte dell’amministrazione
  • Liquidazione della cessione del quinto da parte della finanziaria

Può succedere che l’amministrazione, ricevendo la notifica del contratto di cessione del quinto da parte della finanziaria, prenda visione di quanto riportato nell’atto di benestare, in cui è indicato anche il mese da cui far partire la trattenuta, ma non firmi subito l’atto di benestare o non lo firmi affatto, tardi ad inviarlo, o è possibile che ci siano ritardi legati alla spedizione dell’atto di benestare.

Considerando che l’atto di  benestare viene prodotto prima della notifica della cessione del quinto, è possibile in alcuni casi che passino giorni dalla notifica alla ricezione dell’atto di benestare e alla conseguente liquidazione della pratica di cessione del quinto.

In questi casi, o anche nel caso in cui la ditta non firmi l’atto di benestare, il cliente si vedrà trattenere la rata prima ancora di aver ricevuto i soldi dalla finanziaria. E’ importante, però, capire che non si tratta di una colpa della finanziaria, ma semplicemente di un disguido che può capitare, legato a diverse ragioni.

In questi casi, è opportuno sollecitare la ditta affinché, se non lo avesse ancora fatto, invii l’atto di benestare alla finanziaria, o in alternativa si potrà inviare la busta paga con la prima trattenuta in sostituzione dell’atto di benestare.

ISIcredit

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 commenti su “Cosa succede se l’amministrazione trattiene la rata prima della liquidazione

  1. Buongiorno ma devo essere io a dire alla mia azienda l’atto di benestare o è la finanziaria? Visto che ho fatto un rinnovo della cessione del quinto

    Rispondi
  2. DESIDERAVO SAPERE COSA SUCCEDE AD UN PENSIONATO CHE RICEVE IN PRESTITO IL QUINTO DELLA PENSIONE AD UNA BANCA E QUESTA FALLISCE .IL PENSIONATO DEVE RISPONDERE DI QUALCOSA^?

    Rispondi
  3. Buongiorno.
    Ho richiesto una cessione del quinto da due mesi ad una finanziaria e ancora non mi hanno dato i soldi. Mi hanno dato la busta di gennaio e sopresa delle sorprese ho trovato la rata della cessione. Sono molto arrabbiato. Cosa mi consigliate di fare?
    Grazie, fabrizio.

    Rispondi
    • Buongiorno Fabrizio.
      Non c’è da arrabbiarsi in questi casi in quanto non è colpa dell’istituto di credito ma dell’azienda. Le finanziarie, infatti, per liquidare la cessione del quinto devono attendere la firma dell’atto di benestare. Evidentemente l’azienda non l’ha ancora firmato e forse non lo farà. Deve inviare alla finanziaria la busta paga con la trattenuta e vedrà che con quella le daranno i soldi.
      Saluti.

  4. Buonasera Margherita.
    Stia tranquilla. La finanziaria e la sua ditta non si sono messe d’accordo. Nella cessione del quinto dello stipendio è una cosa che può capitare. il documento che la sua ditta non compila è l’atto di benestare, che è il documento che la finanziaria attende per liquidare la pratica di cessione del quinto. Se la ditta per politica aziendale non compila quel documento, la pratica resta ferma. L’unico modo per sbloccarla è inviare la busta paga con la prima trattenuta alla finanziaria. In questo modo la finanziaria liquiderà sicuramente la pratica di cessione del quinto.
    Saluti.

    Rispondi
  5. Buongiorno, mi trovo in una situazione particolare. Circa un mese fa ho fatto richiesta di un prestito personale che non mi è stato concesso a causa di segnalazioni negative in crif. allora la stessa agenzia finanziaria a cui mi sono rivolta mi ha proposto un prestito personale alternativo tramite la cessione del quinto di stipendio e io ho accettato. Dopo la compilazione di una serie di documenti da parte dell’amministrazione della mia azienda, pensavo fosse tutto a posto ed invece no! Sono in attesa dell’assegno di questa cessione del quinto che non arriva e con una scusa dopo l’altra l’agenzia non riesce a darmi spiegazioni concrete. Fra l’altro l’amministrazione della ditta non vuole compilare un ultimo documento ma in cambio mi ha iniziato a decurtare dalla busta paga la prima rata del prestito tramite cessione. sono molto disorientata, non so a chi rivolgermi. ho necessità di questo prestito perchè mi servono soldi. ho paura che la finanziaria e la mia ditta si siano messi d’accordo e alla fine non mi diano più i soldi.
    Cosa devo fare?
    Margherita

    Rispondi