Prestiti Personali, Cessioni del Quinto, Mutui

Banca d’Italia e Cessione del quinto: ecco i nuovi orientamenti di vigilanza a tutela del consumatore

16 Apr

La Banca d’Italia prende per mano la Cessione del Quinto, e accompagna i consumatori verso una trasparenza maggiore, varando i nuovi orientamenti di vigilanza a tutela dei clienti.

Per Cessione del Quinto si intende l’erogazione di prestiti a lavoratori dipendenti o pensionati, e consiste nel rimborso delle rate (non superiori a un quinto dello stipendio/pensione) direttamente in busta paga.

Ma come è intervenuta la Banca d’Italia? Cosa cambia per gli intermediari del credito? E quali sono gli obiettivi? Andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta.

 

Come nascono e cosa prevedono i nuovi orientamenti di vigilanza

I nuovi orientamenti di vigilanza nascono dalle diverse criticità esistenti nel sistema di finanziamento di Cessione del quinto, da risolvere con una limitazione alla facile erogazione dei prestiti e con l’abbattimento dei costi.

Cosa prevedono? 

  • soluzioni coerenti con il profilo finanziario del cliente
  • produzione di informazioni facilmente comprensibili dal consumatore
  • responsabilità da parte degli operatori, del rispetto delle previsioni di trasparenza 
  • politiche di remunerazione e incentivo alla rete, proporzionate rispetto al contenuto e alla qualità dell’attività
  • in caso di rinnovo, compenso parametrato alla differenza tra il montante del nuovo finanziamento e quello del residuo che si va ad estinguere.

 

Le 9 sezioni del documento

Il documento ha 9 sezioni dove sono indicate le maggiori criticità riscontrate fino ad ora e che quindi vanno affrontate e risolte, ma sono esposti anche i principali riferimenti normativi e le indicazioni applicative.

Le 9 sezioni del documento si articolano in:

  • valutazione del merito di credito e rischio di sovraindebitamento
  • prefinanziamento e altre condotte poste in essere prima di accordare il finanziamento 
  • i costi della Cessione del quinto: livello, struttura e loro rappresentazione nella documentazione pre contrattuale e contrattuale
  • polizze assicurative
  • doveri dei distributori e trasparenza del costo della rete 
  • responsabilità delle banche e degli intermediari finanziari
  • remunerazione
  • comunicazioni alla clientela 
  • cessione di rapporti

All’interno di queste sezioni, vengono specificate alcune buone prassi da seguire, vale a dire le condotte virtuose per aumentare la qualità di relazione con la clientela, come ad esempio

  1. indicazione degli importi da restituire in caso di estinzione anticipata
  2. indicazione sia in forma aggregata che nel dettaglio, del totale degli oneri che non verranno restituiti in caso di estinzione anticipata

Le buone prassi sono evidenziate nel documento attraverso dei quadretti colorati… impossibile non notarle!

 

Hai bisogno di un prestito?

Chiedi una nostra consulenza senza impegno!

 

Quali sono gli obiettivi?

Gli orientamenti hanno 4 obiettivi principali, volti a tutelare i clienti della banca con una maggior qualità delle relazioni e una minor rischio di contenzioso tra le parti. Non solo, l’impegno è quello di impedire condotte improprie e promuovere l’adozione di comportamenti corretti verso la clientela.

Dicevamo, gli obiettivi sono quattro, chiari e precisi:

  • Maggior chiarezza e comprensibilità dei costi
  • Minore esposizione al sovraindebitamento del cliente
  • Alta efficienza degli intermediari
  • Basso rischio di litigiosità

Un risultato molto importante che evidenzia la volontà di garantire la massima trasparenza ed efficienza verso il consumatore.

 

Cosa cambia per gli intermediari del credito

Va da sé che per gli intermediari del credito arrivano nuove responsabilità. Dovranno pertanto gestire l’intero processo produttivo e garantire il rispetto delle previsioni di correttezza della rete, della trasparenza e di potenziali danni ai clienti. 

Sei curioso e vuoi leggere nel dettaglio il documento della Banca d’Italia? Clicca qui!

 

Perché la cessione del quinto rimane una scelta vincente?

Rimangono numerosi i vantaggi per cui la Cessione del Quinto rimane una scelta vincente per chi cerca un finanziamento, in quanto non solo si tratta di un prestito veloce e conveniente, ma il rimborso avviene in modo sicuro e senza stress. Non devi infatti ricordarti di pagare la rata perché viene scalata direttamente dalla busta paga o dalla pensione, in percentuale non superiore al 20%. Non solo. Può essere richiesto anche in casi particolari come:

  • pignoramento dello stipendio o pensione
  • se sei un cattivo pagatore
  • in caso di protesto di assegno o cambiale

Cosa aspetti? Vuoi maggiori informazioni? La consulenza è gratuita!  Compila il modulo di richiesta e chiedici tutto quello che vuoi!

L'articolo è interessante? Condividilo!

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Il 93 % dei nostri clienti è soddisfatto del nostro servizio

Approfitta dell'opportunità, prenota un contatto entro i prossimi 15 minuti ! Già 8 utenti hanno approfittato di questo vantaggio negli ultimi 30 minuti.

Grazie

Sarai contattato in 24h