Problemi con le Banche? C’è l’ABF!

problemi finanziamenti abfL’ABF (Arbitro Bancario Finanziario) è un sistema di risoluzione delle controversie tra i clienti e le banche (o gli altri intermediari finanziari). Offre un’alternativa più semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice. L’Arbitro è un organismo indipendente e imparziale che decide in pochi mesi chi ha ragione e chi ha torto.

Chi può ricorrere all’ABF?

Tutti i clienti, cioè, tutti coloro che hanno in corso o hanno avuto rapporti contrattuali con banche o intermediari finanziari relativi a servizi bancari e finanziari.

Chi sono gli intermediari?

Le banche, gli intermediari finanziari iscritti negli elenchi previsti dagli articoli 106 e 107 del Testo Unico Bancario, gli Istituti di Moneta Elettronica che operano in Italia, le Poste Italiane (Bancoposta), le banche e gli intermediari esteri che operano in Italia.

Quanto costa?

Per presentare il ricorso basta versare un contributo spese di 20 euro, che viene rimborsato dall’intermediario se il ricorso è accolto.

Su cosa può decidere l’ABF?

Su tutte le controversie che riguardano operazioni e servizi bancari e finanziari quali ad esempio i conti correnti, i mutui e i prestiti personali. Fino a 100.000 euro se il cliente chiede una somma di denaro; senza limiti d’importo, quando si chiede soltanto di accertare diritti, obblighi e facoltà.

E’ importante sapere che, prima di rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario è necessario presentare un reclamo all’intermediario. Il reclamo deve avere una risposta entro 30 giorni dalla presentazione. Il modulo per il ricorso è disponibile, assieme ad altre utili informazioni, sul sito web dell’ABF.

ISIcredit

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Problemi con le Banche? C’è l’ABF!

  1. Scusate ma secondo voi è normale che uno che estingue anticipatamente il prestito deve rivolgersi all’ ABF per avere il rimborso come previsto dall’ art. 125-sexies dall’
    accordo ABI-ANIA del 22 ottobre 2008 e dal regolamento ISVAP n.35 del 26 maggio
    2010 dove dice che una persona ha diritto alla restituzione della quota parte delle commissioni finanziarie, di intermediazione e assicurative non maturate.
    Questa circolare è in possesso di tutte le Banche/Finanziarie, perchè fanno orecchie da mercante?
    Se fosse per me chiuderei completamente Banche e Finanziarie disoneste e con penale.
    Perchè il cittadino deve pagare tutto se no sono guai, mentre le Banche/Finanziarie possono fare quello che vogliono fregandosene di tutto e di tutti?
    Vorrei se possibile una risposta a questa mia lamentela.
    Buongiorno e Grazie
    Lino

    • Buongiorno Pasqualino.
      Non deve rivolgersi necessariamente all’ABF. Il rimborso della polizza va chiesta alla compagnia assicurativa, la quale non è a conoscenza dell’avvenuta estinzione, per questo deve essere il cliente a informarla. All’Abf ci si rivolge solamente se vi sono delle problematiche.
      Saluti.

    • Per quanto riguarda il premio assicurativo posso anche essere d’ accordo, e per tutte le altre spese di commissione e intermediazione non dovrebbe essere la finanziaria/banca a restituire i soldi per i mesi non goduti dovuti a estinzione anticipata?

    • Si certo, per quelle ha perfettamente ragione, ma la legge attualmente sancisce il diritto al rimborso, ma non dice nulla circa le modalità, per cui nella sostanza spetta al cliente chiedere il rimborso perché ovviamente l’istituto non rimborserà mai dei soldi di sua spontanea volontà.
      Saluti.

Ottengo il mio prestito!

Preventivo gratis Preventivo gratis
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif
Il 93% dei clienti è soddisfatto per i TASSI IMBATTIBILI
OTTENGO IL MIO FINANZIAMENTO.

Non Lasciarti Sfuggire Quest'Occasione:

  • Il preventivo è GRATUITO e senza impegno
  • La compilazione della richiesta non comporta la segnalazione in banca dati Crif